Comunicato Stampa: Nuovo album della Camera Migliore prodotto da Carmen Consoli

Comunicato Stampa: Nuovo album della Camera Migliore prodotto da Carmen Consoli
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

“CARI MIEI” E' IL NUOVO ALBUM DELLA CAMERA MIGLIORE USCITO PER LA DUE PAROLE DI CARMEN CONSOLI.

“Cari miei” è innanzitutto un disco di storie, nato dalla voglia di raccontare; man mano che la scrittura procede, i personaggi delle singole canzoni si disegnano con maggiore precisione. Ognuno di loro è in primo luogo protagonista di una storia più che interprete di uno stato d’animo (come accadeva nel precedente album), così come rivelano gli stessi autori descrivendone l’elaborata genesi creativa: dopo una prima stesura d’ogni pezzo, Georgia Costanzo – la cantante e coautrice del gruppo - ha scritto un racconto che ne narra il soggetto; la stesura definitiva nasce dopo quei racconti, di cui porta soltanto qualche traccia, il segno di una delle chiavi di lettura possibili.La folla di personaggi che anima queste storie è quanto mai stramba e fiabesca: robot amici, bambole indiavolate, orchi, re e regine che sembrano popolare un grande condominio o un paesino sospeso tra atmosfe re nostalgiche e surreali.L’intenzione narrativa è sottolineata anche dal fatto che molti dei testi sono rivolti ad un unico interlocutore come fossero lettere ad un lettore immaginario. La vena poetica di “Cari miei” si rivela anche nella ricorrenza dei colori, a metà tra metafora e suggestione, poesia e cura dei dettagli: il “Bordeaux” come segno di regalità, il piano blu, “celestiale” del “Condominio”, l’eccentrico rosa shocking del “Fannullone”, e ancora le foto a colori e il trattore blu di “Testa d’aglio” o la stufa nera delle “Scarpe dell’orco”.La grazia di questi piccoli gioielli si esprime anche sul piano più strettamente musicale: anche qui sono le storie a fornire la struttura portante (evidente in “Testa d’aglio”), sottraendo le canzoni all’impostazione tradizionale di strofa-ritornello. Le composizioni sono caratterizzate sonoramente da strumenti inconsueti (il microkorg, ma anche tanti mandolini, violini, flicorni) e strani campionamenti (brani di musica clas sica mandati al contrario, sedie che sbattono, lo squillo del telefono). Vi è, inoltre, una forte intenzione di esplorare nuove ritmiche: queste sono nate tutte in forma elettronica e poi sono state risuonate in studio.La freschezza, l’immediatezza dei pezzi è dovuta anche all’intenso lavoro di pre-produzione, buona parte del quale è interamente ripreso nella produzione finale del disco.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.