Addio a Pino D'Anzeo

Addio a Pino D'Anzeo
Pino D'Anzeo, per molti anni personaggio di spicco della discografia italiana, è mancato improvvisamente l’altro ieri, martedì 4 ottobre, nella sua casa di San Severo di Foggia. Non ancora sessantenne, si era ritirato da qualche anno a vita privata nel suo paese natale, chiudendo un percorso professionale iniziato a fine anni ’60 come magazziniere in CGD, proseguito come agente di vendita in Fonit Cetra e culminato tra gli anni ’80 e i ‘90 con incarichi dirigenziali alla EMI e poi alla Ricordi, nei reparti vendite e commerciale. Dopo l’assorbimento di quest’ultima da parte della tedesca BMG, nel 1995, Roberto Magrini (con cui aveva lavorato ai tempi della Fonit e della EMI) l’aveva chiamato con sé alla RTI, poi S4. Ultimamente aveva collaborato con il Clan di Celentano e Claudia Mori in veste di consulente commerciale.
I funerali hanno già avuto luogo a San Severo. D'Anzeo lascia un figlio, Matteo, residente a Milano. A lui e agli altri familiari Rockol esprime le sue più sincere condoglianze.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.