Troppo bassa l'offerta della EMI: a rischio la scalata a Warner Music

Troppo bassa l'offerta della EMI: a rischio la scalata a Warner Music
Ultime da Wall Street e dintorni. Le offerte messe sul piatto dalla EMI per assumere il controllo del gruppo Warner Music non sarebbero state considerate soddisfacenti, almeno finora, dal pool di investitori finanziari che assieme a Edgar Bronfman Jr. controlla il pacchetto di maggioranza della società. Scaduto il vincolo semestrale legato all’esclusiva negoziale, a novembre i gruppi Thomas H. Lee Partners, Bain Capital e Providence Equity Partners saranno nuovamente liberi di darsi da fare per vendere le loro quote sul mercato azionario e incassare denaro contante, ammesso che in Borsa trovino investitori interessati. A quel punto, e con le azioni ipoteticamente sparse tra una miriade di azionisti, per EMI o per qualunque altro diventerebbe molto più difficile concretizzare un’offerta d’acquisto e la Warner diverrebbe difficilmente espugnabile: ipotesi che, secondo alcuni, non dispiacerebbe affatto a Bronfman.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.