Whitfield Street Studios, arrivano i primi finanziamenti anti sfratto

Whitfield Street Studios, arrivano i primi finanziamenti anti sfratto
Il celebre produttore cinematografico David Puttnam e alcune personalità del mondo politico britannico (l’onorevole laburista Frank Dobson, il ministro James Purnell e l’ex ministro Chris Smith) sono stati i primi a rispondere all’appello di Robin Millar, attuale titolare degli studi di registrazione londinesi Whitfield Street che rischiano lo sfratto definitivo dopo che i proprietari dell’immobile hanno deciso di venderlo ad un operatore immobiliare (vedi News). Un finanziamento iniziale di 100 mila sterline (oltre 147 mila euro) dovrebbe consentire a Millar di tenere in vita la struttura per almeno un altro anno e mezzo, ma questo non è bastato a tranquillizzarlo: “Continua a rattristarmi profondamente la possibilità che quello che io considero il miglior studio di registrazione che Londra abbia mai avuto possa chiudere i battenti per sempre” ha dichiarato il produttore, rilanciando il suo sos alle facoltose rock star che dei Whitfield Street si sono spesso servite in passato. “Non posso credere”, ha aggiunto Millar, che “Jimmy Page, Robert Plant, Ozzy Osbourne, Madonna, i Pet Shop Boys, i Darkness, i Depeche Mode, Sade, Sir Elton John, i Coldplay e i Doves – per citare solo quelli che vi hanno lavorato da quando li gestisco io - siano felici di veder chiudere per sempre un posto che hanno tanto amato”. La cifra necessaria a scongiurare lo sfratto si aggirerebbe intorno al milione di sterline, un milione e 470 mila euro.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.