File sharing illegale, l'IFPI offre un programma gratuito per bloccarlo

File sharing illegale, l'IFPI offre un programma gratuito per bloccarlo
Le organizzazioni internazionali dell’industria discografica e cinematografica, IFPI e MPA (Motion Picture Association), offrono un supporto informatico a chi (aziende, istituzioni, singoli utenti di Internet) voglia mettersi al riparo dai rischi di sanzioni conseguenti al file sharing e al downloading non autorizzato di musica e film: si tratta di un programma gratuito denominato Digital File Check (DFC), una sorta di "poliziotto elettronico" disponibile su Cd o scaricabile direttamente da Internet (anche in lingua italiana, agli indirizzi www.pro-music.it e www.fapav.it), che consente a ciascun utilizzatore di effettuare controlli sui programmi di file sharing esistenti in rete, sui file audio e video da lui condivisi con altri soggetti e su quelli che tiene conservati nella memoria del computer: completata la verifica l’utente può intervenire direttamente per bloccare l’accesso del suo computer ai programmi di file sharing illegale e/o cancellare i file acquisiti senza autorizzazione.
John Kennedy, presidente e amministratore delegato dell’IFPI, definisce DFC “di facile utilizzo sia per utenti privati, ad esempio le famiglie che desiderano una navigazione in Internet sicura per i loro figli, sia per aziende che devono preservare le proprie reti da possibili accessi non autorizzati”, aggiungendo che “si tratta di un’applicazione nata allo scopo di facilitare la condivisione di file in modo legale e responsabile”: in futuro, forse, perché il file sharing legalizzato, a cui le major discografiche stanno lavorando con nuovi partner specializzati (Snocap, Mashboxx, PlayLouder ecc.), non è ancora una realtà.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.