Congelati i beni di Suge Knight

Congelati i beni di Suge Knight
I beni del controverso discografico Suge Knight sono stati confiscati da un giudice di Los Angeles. La motivazione risiede nella richiesta di Michael “Harry-O” Harris, uno spacciatore attualmente dietro le sbarre che accusa Knight d’essersi appropriato di svariati milioni di dollari. Nel marzo scorso il tribunale aveva ordinato il pagamento di 107 milioni di dollari a Lydia Harris, moglie di “Harry-O”, perché Knight non era stato in grado di produrre la necessaria documentazione per ribaltare la decisione. I coniugi affermano d’aver finanziato la nascita della Death Row Records, etichetta diventata poi un impero grazie ai successi d’artisti come Snoop Dogg, The Dogg Pound e molti altri. Nel frattempo, la coppia ha divorziato ma "Harry O" non ha ricevuto un soldo. Suge Knight intanto è stato dimesso dall’ospedale dopo la sparatoria che lo ha costretto sul tavolo operatorio per asportare due pallottole (vedi News).
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.