Canada: dopo l'esclusiva a Starbucks, HMV toglie i dischi di Dylan dai negozi

Canada: dopo l'esclusiva a Starbucks, HMV toglie i dischi di Dylan dai negozi
L’esclusiva temporanea che Dylan e la Sony BMG hanno accordato a Starbucks e alla sua etichetta Hear Music sulla vendita del Cd “Live at the Gaslight 1962” (vedi News) sta suscitando vivaci reazioni in tutto il Nord America: ma nessuno, prima di HMV Canada, aveva preso la drastica decisione di ritirare dagli scaffali tutti i dischi del poeta di Duluth in segno di protesta. La nota catena specializzata non è nuova a gesti di questo tipo: nel giugno scorso aveva fatto la stessa identica cosa bloccando per sei settimane la vendita dell’intero catalogo di Alanis Morissette, rea di aver concesso alla stessa Starbucks una priorità distributiva sul “remake” acustico dell’album “Jagged little pill” (vedi News). Secondo HMV, concedendo trattamenti di favore a canali di vendita nuovi o alternativi gli artisti dimostrano scarsa gratitudine nei confronti dei commercianti che hanno contribuito in maniera sostanziale al loro successo. Il problema è acuito in questo caso dalla durata dei diritti esclusivi di distribuzione accordati a Starbucks, che secondo alcune fonti si estenderebbero a ben 18 mesi.
    L’esclusiva temporanea che Dylan e la Sony BMG hanno accordato a Starbucks e alla sua etichetta Hear Music sulla vendita del Cd “Live at the Gaslight 1962” (vedi News) sta suscitando vivaci reazioni in tutto il Nord America: ma nessuno, prima di HMV Canada, aveva preso la drastica decisione di ritirare dagli scaffali tutti i dischi del poeta di Duluth in segno di protesta. La nota catena specializzata non è nuova a gesti di questo tipo: nel giugno scorso aveva fatto la stessa identica cosa bloccando per sei settimane la vendita dell’intero catalogo di Alanis Morissette, rea di aver concesso alla stessa Starbucks una priorità distributiva sul “remake” acustico dell’album “Jagged little pill” (vedi News). Secondo HMV, concedendo trattamenti di favore a canali di vendita nuovi o alternativi gli artisti dimostrano scarsa gratitudine nei confronti dei commercianti che hanno contribuito in maniera sostanziale al loro successo. Il problema è acuito in questo caso dalla durata dei diritti esclusivi di distribuzione accordati a Starbucks, che secondo alcune fonti si estenderebbero a ben 18 mesi.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.