Come un episodio di “South Park” ha “rovinato" la vita a Ed Sheeran

In una recente intervista il cantautore ha raccontato di aver avuto qualche difficoltà dopo un episodio della popolare serie televisiva americana
Come un episodio di “South Park” ha “rovinato" la vita a Ed Sheeran

Nonostante i capelli rossi siano uno dei tratti più distintivi ed immediatamente riconoscibili di Ed Sheeran, il colore della capigliatura ha creato non pochi problemi al cantautore britannico, tanto che il suo primo manager gli suggerì di tingere la sua chioma di nero per avere un’immagine migliore e più accattivante. Fortunatamente, e grazie anche al cambio di management, il colore dei capelli non ha ostacolato il successo della voce di “Thinking out loud”, che lo scorso ottobre ha dato alle stampe il suo quinto album in studio “=“.

Tuttavia, in una recente intervista rilasciata a “Slam Radio” e ripresa dal “The Independent”, Sheeran ha raccontato di come un episodio della nona stagione di “South Park” ha “fottutamente rovinato” la sua vita perché incentrato proprio sulle persone dai capelli rossi.

Nella puntata della popolare serie televisiva animata americana in questione, intitolata “Ginger Kids”  (“Pel di carota”) e originariamente trasmessa negli Stati Uniti nel novembre 2005, venivano sbeffeggiati i cosiddetti "pel di carota”. A tal proposito il 30enne musicista ha affermato:

"In Inghilterra da sempre vieni preso per il culo se hai i capelli rossi. Negli Stati Uniti, invece, non è mai stato così, perché le persone non hanno mai saputo cosa fosse un ‘pel di carota’. Quell’episodio di South Park mi ha fottutamente rovinato la vita”.

Ed Sheeran ha così spiegato di come, dopo la messa in onda di quella puntata dello serie creata da Matt Stone e Trey Parker, sia diventata una seccatura anche oltreoceano il fatto di avere i capelli rossi. Il cantautore, che ha però ammesso di essere ancora un fan di “South Park” e che un giorno gli piacerebbe prestare la voce a un personaggio, ha narrato: “Prima in America tutti mi dicevano: 'Adoro i tuoi capelli, amico'. E io pensavo: 'Oh mio Dio, alla gente piacciono i miei capelli?'. Poi ricordo che l’episodio è uscito e basta, in tutto il mondo per il resto della mia vita”.

Lo scorso dicembre l’artista ha rivelato che il “Mathematics Tour”, che lo vedrà di scena negli stadi delle principali città europee (ma non in Italia) tra i prossimi 23 aprile e 25 settembre, potrebbe essere l’ultima occasione per vederlo in azione nelle arene. “Non voglio che, di qui a vent’anni, il rapporto con i miei figli venga logorato dal fatto che abbia preferito il lavoro a loro”, ha spiegato il cantante, oggi trentenne e genitore - insieme alla moglie Cherry - di un’unica figlia, Lyra.preso per il culo se hai i capelli rossi ma, prima del quel episodio di South Park questo genere di cose non accadevano negli Stati Uniti. La gente qui non sembrava non essere molto interessata a prendere in giro noi rossi. Quell'episodio di South Park mi ha rovinato la vita".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.