Sinead O'Connor, il cavallo pazzo del pop: la sua storia in un documentario

Non folle, non violenta. Semplicemente dotata di una grande sensibilità che è stata negli anni la sua più grande nemica, nella ricerca di un equilibrio dopo il boom: non l'ha mai trovato. La storia della voce di "Nothing compares 2 U" rivive in un film.
Sinead O'Connor, il cavallo pazzo del pop: la sua storia in un documentario

Non folle, non violenta.

Semplicemente dotata di una grande sensibilità che è stata negli anni la sua più grande nemica, nella ricerca di un equilibrio dopo il boom. Equilibrio che alla fine la cantautrice irlandese non ha trovato, ed è inevitabilmente precipitata giù, verso il lato oscuro del successo. Dalle hit che tra la fine degli Anni '80 e i primi Anni '90 la lanciarono a livello internazionale, su tutte quella "Nothing compares 2 U" che Prince aveva scritto nell''85 per i The Family, che nella versione della band era passata del tutto inosservata e che l'interpretazione di Sinead rese un successo mondiale, alle varie crisi che hanno segnato la sua carriera, tenendo più volte col fiato sospeso i fan (come quella volta che fece perdere per ore le sue tracce e .molti temettero il peggio). Sinead O'Connor, il cavallo pazzo del pop, si racconta ora in un documentario: uscirà nel 2022.

Il documentario sulla storia della cantautrice irlandese, che oggi ha 55 anni e nel 2018 ha cambiato il proprio nome in Shuhada' Davitt, dopo essersi convertita all'Islam, è stato girato dalla regista Kathryn Ferguson, anche lei irlandese. È stato realizzato tirando fuori dagli archivi materiale risalente agli anni d'oro della carriera di Sinead, che esordì nel 1987 con l'album "The lion and the cobra", al quale fecero seguito "I do not want what I haven't got" del 1990 (contenente "Nothing compares 2 U") e "Am I not your girl?" del 1992. Alcune delle foto e dei video presenti nel documentario sono inediti. Oltre al materiale d'archivio, nel documentario ci sono anche contributi più recenti, inediti, realizzati proprio per il film. 

"Come donna irlandese, la storia di Sinead e la sua musica incredibile sono sempre stata una grandissima fonte di ispirazione per me. Non vedo l'ora che questo film esca", ha detto Kathryn Ferguson. 

Una data d'uscita ufficiale ancora non c'è. Il docu-film sarà presentato in anteprima al Sundance Film Festival, che si svolgerà dal 20 al 30 gennaio a Park City, nello Utah, negli Usa. In occasione dell'edizione 2022 del festival sarà proiettato in anteprima anche "Jeen-Yuhs", il documentario su Kanye West, che arriverà poi su Netflix entro la fine del prossimo anno.

Lo scorso giugno Sinead O'Connor ha pubblicato la sua prima autobiografia, "Rememberings": "È la mia storia, così come me la ricordo”, ha detto lei, parlando del volume, che tocca temi come quelli dell'infanzia travagliata, dei trionfi musicali e delle lotte contro la malattia. Lo scorso anno la cantautrice fece sapere di aver intrapreso un percorso di riabilitazione dopo un periodo lungo e difficile culminato con la perdita di una persona cara e un dipendenza "importante" ("Non l'erba", specificò): "Sono cresciuta con molti traumi e abusi. Poi sono entrata direttamente nel mondo della musica. Non mi sono mai presa il tempo necessario per guarire. Non ero neanche pronta per farlo", precisò Sinead, annunciato ai fan il rinvio del proprio tour al 2022 ("Se mi prendo questo tempo per guarire, sarò in forma per una vita di tour. Se non lo faccio, non farò tournée"). Il suo ultimo album, "I'm not bossy, I'm the boss", risale a quasi otto anni fa.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.