Greg Lake, un signore della musica progressive

Cinque anni fa il musicista britannico ci lasciava a causa di un cancro
Greg Lake, un signore della musica progressive

La prima pubblicazione di Greg Lake, musicista britannico scomparso cinque anni fa, il 7 dicembre 2016 all'età di 69 anni (era nato a Poole (Inghilterra) il 10 novembre 1947), risale al 1967 ed è un singolo pubblicato con una delle band nelle quali militò prima di entrare a far parte dei King Crimson e prima di fondare gli Emerson, Lake & Palmer. Si tratta dei Shame, insieme ai quali Greg Lake incise il 45 giri "Don't go away little girl/Dreams don't bother me".

Un anno dopo, nel 1968, Greg Lake cambia band e comincia a suonare con gli Shy Limbs: la band, nello stesso anno, pubblica il 45 giri "Reputation/Love". Lake prese parte alle registrazioni del solo lato b, "Love".

Il 1969 è l'anno del debutto con i King Crimson: Robert Fripp e compagni lo invitano in studio di registrazione per cantare e suonare il basso nell'album "In the court of the Crimson King". Del disco fanno parte - tra gli altri - pezzi come "21st Century schizoid man", "I talk to the wind" e "Epitaph".

L'anno dopo, nel 1970, Greg Lake torna a suonare con i King Crimson prendendo parte alle lavorazioni di "In the wake of Poseidon", nel quale è contenuta la traccia omonima. Lake canta in tutti i brani del disco, con la sola eccezione di "Cadence and cascade".

1970: esce l'album d'esordio del trio Emerson, Lake & Palmer, dal titolo eponimo. Vanno ricordati almeno tre pezzi: "Take a pebble", "Knife-edge" e "Lucky man".

Un anno più tardi, è la volta del secondo disco degli Emerson, Lake & Palmer: "Tarkus". Il lato A del 33 giri è occupato dal lunghissimo brano omonimo, suddiviso in più parti: "Eruption" (Emerson), "Stones of years (Emerson, Lake), "Iconoclast" (Emerson), "Mass" (Emerson, Lake), "Manticore" (Emerson), "Battlefield" (Lake) e "Aquatarkus" (Emerson).

Il terzo album del trio, "Trilogy", arriva nel 1972: sette delle nove composizioni contenute all'interno del disco portano la firma di Greg Lake. Tra queste anche "From the beginning".

Nel 1979 gli Emerson, Lake & Palmer chiudono in bellezza con l'album dal vivo "In concert", registrato nell'agosto del 1977 all'Olympic Stadium di Montreal, in Canada. Una vera chicca del disco è la rivisitazione prog-rock di "Pictures at an exhibition", i noti "Quadri da un'esposizione" del compositore russo Modest Mussorgsky.

Nel 1981 esce il primo - eponimo - album solista di Greg Lake: il primo singolo estratto dal disco è "Love you too much", scritta insieme a Bob Dylan e Helena Springs.

L'album solista successivo, "Manoeuvres", esce nel 1983 ed è realizzato in collaborazione con l'ex membro dei Thin Lizzy, Gary Moore (che suona la chitarra). Ricordiamo la traccia omonima:

Chiudiamo con "Live from Manticore Hall", l'album dal vivo uscito nel 2014 come celebrazione del tour mondiale che ha visto Greg Lake tornare a suonare insieme a Keith Emerson.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.