Il saluto dei Rolling Stones agli anni Sessanta

Nel 1969 la band britannica pubblica uno dei suoi migliori album
Il saluto dei Rolling Stones agli anni Sessanta

Gli anni Sessanta erano davvero agli sgoccioli, era infatti il 5 dicembre 1969 quando i Rolling Stones recapitarono sul mercato inglese (negli Stati Uniti il disco era uscito la settimana precedente, il 29 novembre) il loro ottavo album in studio (decimo per le uscite statunitensi) "Let It Bleed". Il disco è l'ultimo in cui appare Brian Jones – una collaborazione limitata alle congas in "Midnight Rambler" e all'autoharp in "You Got the Silver", considerato che il musicista inglese morì il 3 luglio 1969 quando era già stato allontanato dal gruppo per i suoi problemi, in primo luogo con la droga -, ed il primo con il suo sostituto Mick Taylor.

Per una sinistra coincidenza il titolo dell'album "Let It Bleed" ('Lascia che sanguini') fu un triste presagio di quanto accadde solo qualche giorno più tardi, il 6 dicembre infatti, la band di Jagger e Richards partecipò al festival di Altamont, in California, che passò tragicamente alla storia per la morte di una persona del pubblico, il 18enne nero Meredith Hunter ucciso a colpi di coltello dagli Hell's Angels assoldati per fare da servizio d'ordine.

Il disco è senza dubbio uno dei migliori di sempre dei Rolling Stones e fa parte del poker di pubblicazioni – insieme a "Beggars Banquet" (1968), "Sticky Fingers" (1971) e "Exile on Main St." (1972) – che rappresentano quanto di meglio, in materia di album, il gruppo britannico abbia mai prodotto. Scorrendo la tracklist si è indotti a pensare che questa sia più una compilation del genere 'best of' piuttosto la scaletta di un album, tanta è la qualità dei brani inclusi.

Oggi, nel giorno dell'anniversario dell'uscita di "Let It Bleed", abbiamo pensato di celebrare questo grande album pubblicato 52 anni fa riascoltandone i brani.

"Gimme Shelter"

"Love in Vain" (cover di Robert Johnson)

https://www.youtube.com/watch?v=yZYhhjyGXoU

"Country Honk"

"Live with Me"

"Let It Bleed"

"Midnight Rambler"

"You Got the Silver"

"Monkey Man"

"You Can't Always Get What You Want"

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.