Max Casacci firma le musiche del documentario sulla vita di Anita Ekberg

Diretto da Antongiulio Panizzi, con Monica Bellucci
Max Casacci firma le musiche del documentario sulla vita di Anita Ekberg

E' stato presentato oggi al Torino FIlm Festival "The girl in the fountain", un documentario sulla vita dell'attrice Anita Ekberg (protagonista di "La dolce vita" di Federico Fellini), la cui colonna sonora è stata scritta e registrata da Max Casacci dei Subsonica.
La traccia principale, “Anita”, realizzata impiegando suoni vocali di Monica Bellucci (che interpreta la Ekberg nel documentario) sarà disponibile in tutti gli store digitali dal 6 dicembre per 35mm (la sub-label di 42 Records dedicata alle sonorizzazioni, alle colonne sonore e alla musica sperimentale).
 
Max Casacci:

“Quando il regista mi ha cercato per propormi una colonna sonora ho risposto - prima ancora di conoscere il soggetto del film - che avrei voluto realizzare le musiche senza utilizzare strumenti. Solo rumori e ambienti sonori di scena.
Non era il film adatto. Il taglio era documentaristico ed erano previste numerose sequenze di repertorio. 
Ho quindi chiesto più informazioni per poi rilanciare: “benissimo, allora potrei usare, come strumenti, solo i suoni vocali di Monica”.
Monica stava girando altri film in giro per il mondo, era difficile averla a disposizione per estrarre dalla sua voce i “duuum, dscht, ahhhh, uhhhhh diiin, paaam…” necessari per costruire gli strumenti immaginari.
Ma era comunque rimasta incuriosita dalla proposta e si era documentata sui miei lavori più recenti. Qualcosa saremmo riusciti a realizzare.
Il brano 'Anita' - creato esclusivamente con i suoni vocali di Monica - arriverà per ultimo a sottolineare una sua camminata tra le strade dell’Eur. E accompagnerà anche i titoli di coda.
Nel frattempo avevo incominciato con sintetizzatori e chitarre, ritrovandomi da subito alle prese con una sfida impegnativa: sonorizzare uno dei più importanti momenti della storia del cinema. Anita nella Fontana di Trevi. 
Roba da fare tremare i polsi. 
Assecondando la magia sospesa di quel momento perfetto, ho optato per una rarefazione eterea che è risultata una chiave adatta anche per la maggior parte degli altri temi legati alla grande diva.
Sospensione temporale e una nota malinconica di fondo sono lì per sottolineare i tratti dolorosi di una vita energica, di talento e di successo fortemente segnata dalle delusioni. L’utilizzo dell’elettronica sposta il piano del riferimento storico e mette al riparo da tentazioni di 'modernariato sonoro'.
Una colonna sonora tradizionale con musica nostalgica, di fatto, non avrebbe funzionato.”

Dopo l’anteprima torinese, The girl in the fountain (prodotto da Dugong Films) arriverà nei cinema italiani per un evento unico di due giorni – l’1 e il 2 dicembre – distribuito da Eagle Pictures.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.