Ecco il disco che ha convinto Slash a diventare un chitarrista

‘Il primo strumento che ho preso in mano è stato il basso. Poi ho sentito quella canzone, e…’
Ecco il disco che ha convinto Slash a diventare un chitarrista

Slash, come - del resto - molti altri eroi delle sei corde, non è nato con la ferma convinzione di diventare un chitarrista. Saul Hudson, prima di imbracciare la Les Paul che l’avrebbe portato a diventare uno dei musicisti più rispettati e ammirati degli ultimi trent’anni, tentò la strada del basso: a convertirlo alla strumento reso immortale da giganti come Jimi Hendrix, David Gilmour e Jimmy Page è stato un album di un suo connazionale vent’anni più vecchio di lui.

A raccontarlo è stato lo stesso storico sodale di Axl Rose nel corso di un’intervista rilasciata a Dave Cobb per il canale di Apple Music Southern Accents Radio.

“Quando ho iniziato a suonare il primo strumento che ho preso in mano è stato il basso”, ha raccontato Slash: “Steven Adler, il primo batterista dei Guns N’ Roses, sapeva già suonare la chitarra: quando abbiamo deciso di formare un gruppo il basso mi è sembrata una scelta naturale. Oltretutto, non avevo idea di che differenza ci fosse tra un basso e una chitarra”.

Poi, la folgorazione: a illuminare il futuro autore del riff di “Sweet Child O’ Mine” fu “Disraeli Gears”, il secondo album dei Cream, formazione capitanata da Eric Clapton - affiancato da Jack Bruce al basso e dal leggendario Ginger Baker alla batteria - che tra il 1966 e il 1968 consegnò agli annali ben quattro prove in studio sulla lunga distanza, tra le quali - appunto - quella pubblicata nel ‘67 che nella propria tracklist includeva capolavori come "Strange Brew" e "Sunshine of Your Love".

“‘Disraeli Gears’ mi ha convinto fin dal primo momento a passare alla chitarra”, ha spiegato l’artista: “Ho iniziato a suonare ‘Sunshine of Your Love’ e mi sono detto: ‘Ecco, è questo che voglio fare’. Era la chitarra elettrica, e in quel preciso momento ho deciso di dedicarmici. ‘Disraeli Gears’, oltre a essere uno dei dischi di rock blues dell’epoca, se non di tutti i tempi, è stata la ragione per la quale ho iniziato a suonare la chitarra”.

Slash pubblicherà il proprio nuovo album insieme a Myles Kennedy e i Conspirators, “4”, il prossimo 11 febbraio. Il tour in supporto al disco prenderà il via quattro giorni prima dell’uscita dall’album - l’8 febbraio - da Portland, in Oregon. L’appuntamento del chitarrista con il pubblico italiano è fissato per il prossimo 10 luglio, in occasione dell’unica data nella Penisola prevista dai Guns N’ Roses per il 2022, programmata allo stadio Meazza di San Siro, a Milano.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.