Peter Jackson e l’idea dei Beatles di fare un film su "Il Signore degli Anelli”

“Sarebbe stato incredibile ascoltare le loro canzoni per il film”, ha detto in una recente intervista il regista che ha portato sul grande schermo l’opera di Tolkien e ha lavorato al nuovo documentario “Get back” sul quartetto di Liverpool
Peter Jackson e l’idea dei Beatles di fare un film su "Il Signore degli Anelli”

In una recente intervista rilasciata alla BBC in occasione dell’uscita su Disney+ del documentario in tre parti di Peter Jackson "The Beatles: Get Back” (leggi qui la recensione), il regista neozelandese noto soprattutto per aver portato sul grande schermo "Il Signore degli Anelli” ha parlato del progetto mai realizzato dei Beatles di fare una versione cinematografica dell’opera di J. R. R. Tolkien, che i Fab Four avevano scoperto durante il loro viaggio in India. Era circa il 1968, infatti, quando Tolkien negò al quartetto di Liverpool il permesso di portare sugli schermi il suo romanzo epico, per cui la band aveva in mente di affidare la regia a Stanley Kubrick.

“Get back” ha offerto a Jackson la possibilità di entrare direttamente in contatto con i componenti ancora in vita dei Beatles e di chiedere a Paul McCartney cosa fosse realmente successo con la loro versione de “Il Signore degli Anelli”. Alla BBC il cineasta ha raccontato: 

“Ho raccolto qualche informazione. Ho fatto delle domande a Paul. Ringo non ricorda molto. Quello che ho capito è che Denis O’Dell della Apple, che avrebbe dovuto produrre la pellicola e che aveva prodotto ‘The Magic Christian’, ha avuto l’idea di fare ‘Il Signore degli Anelli’. Quando i Beatles si recarono a Rishikesh in India, e trascorsero tre mesi con Maharishi all’inizio del 1968, lui mandò a loro i libri. Credo perché fosse una trilogia, ha spedito un libro a ciascuno dei Beatles. Non credo che Ringo ne avesse ricevuto uno, ma John, Paul e George hanno avuto ciascuno un libro del Signore degli Anelli da leggere in India. E si sono entusiasmati a proposito. Alla fine non sono riusciti a ottenere i diritti da Tolkine, perché non gli piaceva l’idea che un gruppo pop facesse qualcosa sulla sua opera. Così lui ha bocciato il progetto. Hanno provato a farlo, su questo non c’è dubbio: all’inizio del 1968 stavano contemplando seriamente l’idea di farlo”.

Spiegando che “apparentemente”, come già svelato in passato, il progetto prevedeva che a McCartney fosse destinato il ruolo di Frodo, a Ringo Starr quello di Samvise Gamgee, a George Harrison quello di Gandalf e a John Lennon quello di Gollum, Peter Jackson ha fatto sapere: “Quando gli ho parlato Paul non riusciva a ricordare esattamente, ma credo che fosse così”.

Nel corso dell’intervista per la BBC Jackson ha anche affermato di essere consapevole del fatto che la sua carriera sarebbe potuta andare diversamente se i Beatles avessero realizzato un film su “Il Signore degli Anelli”. “Paul mi ha detto: 'Sono contento che non l'abbiamo fatto, perché dovevi fare il tuo film e mi è piaciuto’. Ma io gli ho risposto: ‘È ​​un peccato che non l'abbiate fatto, perché sarebbe stato un musical’”, ha raccontato il regista che, definendosi un grande fan della leggendaria formazione britannica (“Non mi è mai piaciuta nessun'altra band come i Beatles”), ha aggiunto: 

“Cosa avrebbero fatto i Beatles per la colonna sonora de ‘Il Signore degli Anelli’? Sarebbero state 14 o 15 canzoni dei Beatles e sarebbe stato davvero incredibile ascoltarle. Quindi, provo due sentimenti al riguardo. Da una parte mi sarebbe piaciuto ascoltare quell'album, ma dall'altra sono anche contento di aver avuto la possibilità di fare io il film. Comunque, quelle canzoni sarebbero state affascinanti”. 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.