NEWS   |   Industria / 03/06/2005

I transfughi FIMI al lavoro: riunione a Milano, presto l'atto costitutivo

I transfughi FIMI al lavoro: riunione a Milano, presto l'atto costitutivo
Singolare, e probabilmente non casuale, la coincidenza: proprio mentre la FIMI eleggeva il nuovo presidente Enzo Mazza (vedi News), l’ultimo giorno di maggio, le aziende indipendenti dimessesi in aprile dalla federazione dell’industria discografica (vedi News) si riunivano a Milano per gettare le fondamenta della loro nuova associazione in via di costituzione. All’incontro, sollecitato da un comitato promotore che include tutte le indie già facenti parte del vecchio direttivo FIMI (Ala Bianca, edel, NAR, New Music, Sugar), sono stati invitati a partecipare associazioni come Audiocoop e società che svolgono altre attività prevalenti (come la distribuzione) rispetto alla produzione discografica. Circolano già, tra i potenziali aderenti al nuovo organismo (sarebbero un centinaio) una bozza di statuto e un programma di massima che prevede l’immediata presa di contatto con istituzioni, media ed enti di rappresentanza che già operano a vario titolo nel settore della musica: sui tempi di costituzione formale della nuova organizzazione, che potrebbero essere imminenti, nessuno si sbilancia.