Rockol Awards 2021 - Vota!

La storia della canzone che impedì ai Beatles di andare al numero 1

E' "Release me" di Engelbert Humperdinck
La storia della canzone che impedì ai Beatles di andare al numero 1

Gerry Dorsey era un cantante di club come tanti altri: buona voce, bella presenza, niente di speciale. QUando si ammalò di tubercolosi uscì dal giro delle serate, finchè incontrò il manager di Tom Jones, Gordon Mills, che conosceva da quando avevano fatto un tour insieme - Mills suonava nei Viscounts. Fu lui a suggerire a Dorsey di cambiarsi il nome in uno pseudonimo più originale. Engelbert Humperdinck era stato un compositore tedesco del diciannovesimo secolo, autore di un'opera intitolata "Hansel un Gretel". Dorsey sulle prime era perplesso, ma poi subì la proposta del manager.

Alla fine del 1966 Dorsey scoprì un brano strumentale intitolato "Release me", suonato dal sassofonista Frank Weir, di cui erano autori Eddie "Piano" Miller e Robert Yount; risaliva al 1949 e ne aveva fatto una versione con un testo Esther Phillips. Sulle prime Gordon Mills, che a quel punto era il manager sia di Tom Jones sia di Engelbert Humperdinck, la propose al primo, al quale però, dopo averla provinata, non piacque; così Humperdick ebbe l'opportunità di inciderla, nell'arrangiamento di Charles Blackwell (alla chitarra in studio c'era Jimmy Page).

Il disco uscì nei negozi ma rimase fermo negli scaffali per tre mesi.

Poi il colpo di fortuna: Dickie Valentine si ammalò prima di una prevista partecipazione al London Palladium Show, e Humperdinck fu chiamato all'ultimo per sostituirlo. Lo spettacolo fu trasmesso in televisione; il giorno seguente il disco cominciò ad essere richiestissimo, salendo al numero uno dopo cinque settimane dall'ingresso in classifica e rimanendoci, nel 1967, per sei settimane consecutive, in questo modo impedendo ai Beatles di prolungare la loro striscia di 11 numeri uno consecutivi e vietando al singolo a due facciate A "Penny Lane" / "Strawberry Fields Forever" di andare in vetta.
"Release me" restò nelle charts britanniche per 56 settimane consecutive (è ancora un record) e risultò il più venduto dell'anno 1967.

In Italia, Leonardo ne fece una cover intitolata "Please amore"

Tom Jones inserì poi la canzone nel suo repertorio dal vivo, e la incluse nel 2008 nella sua raccolta "Green Green Grass Of Home".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.