Rockol Awards 2021 - Vota!

Chi fermerà Taylor Swift?

Ragazza della porta accanto dal volto d'angelo? Macché. La cantautrice americana è una macchina da guerra. Torna nei negozi "Red", l'album del 2012, completamente ri-reigstrato. E la popstar debutta alla regia di un cortometraggio.
Chi fermerà Taylor Swift?

Dietro quel volto pulito d’angelo o da ragazza della porta accanto si nasconde una popstar dalle grandi doti manageriali, che negli ultimi anni si è costruita un vero e proprio impero multimilionario.

Una macchina da guerra, come l’ha definita, sorridendo, Jimmy Fallon: “Ci siamo dati tutti da fare, in questi due anni di pandemia. Ma tu hai fatto cinque dischi, un documentario e vinto pure un Grammy: sei andata proprio oltre”, ha detto il popolare conduttore a Taylor Swift, che ha ospitato nell’ultima puntata del suo “Tonight Show”. All’elenco di cose fatte dalla cantautrice statunitense va ora ad aggiungersi anche un cortometraggio. Che ha scritto e diretto lei stessa. È quello che accompagna la versione di dieci minuti di “All too well”, uno dei brani del suo quarto album “Red”, originariamente uscito nel 2012 e tornato oggi nei negozi – e sulle piattaforme di streaming – in tutto il mondo in una nuova versione, .“Red (Taylor’s version)”. Taylor Swift ha completamente ri-registrato l’album, aggiungendo così un nuovo tassello, dopo “Fearless”, al processo di riappropriazione della propria musica tra il 2006 e il 2017, gli anni in cui incideva per la Big Machine Records, prima di rompere con i suoi (ex) discografici e soprattutto prima che i master passassero per mille mani e mai per le sue.

Così Taylor Swift si sta "riappropriando" della propria musica

“Red (Taylor’s version)” esce in formato doppio cd e quadruplo vinile: “Non avrei mai pensato fosse possibile tornare indietro e rifare tutti i miei lavori precedenti, scoprendo arte che pensavo perduta e gemme dimenticate lungo la strada, se voi non mi aveste incoraggiato. ‘Red’ sta per essere di nuovo mio, ma è sempre stato nostro. Stasera si ricomincia”, ha scritto Taylor Swift ai suoi fan, sui social, alla vigilia dell’uscita della nuova versione del disco del 2012. L’anno scorso la popstar è stata impegnata a lungo in una polemica social contro gli ex discografici della Big Machine e contro Scooter Braun, potente manager già al fianco di Justin Bieber, Ariana Grande e Kanye West considerato dalla Swift suo rivale, che aveva acquistato e poi rivenduto i master dei suoi primi dischi.

La cantautrice è tornata sulla vicenda più volte, facendone una vera e propria .battaglia sul controllo della musica da parte dell’artista, fino a quando non ha annunciato di essere intenzionata a ri-registrare le sue vecchie canzoni, come concesso da una clausola del contratto che firmò con la Big Machine Records nel 2005, quando aveva appena 15 anni.

Cosa c'è in "Red (Taylor's version)"

La “Taylor’s version” di “Red” contiene trenta tracce in tutto: oltre a tutti i brani già presenti nell’edizione del 2012, ri-registrati e riarrangiati da Taylor Swift, ci sono anche nove canzoni mai pubblicate prima. Sono “Ronan”, “Better man”, “Nothing new” (in duetto con Phoebe Bridgers), “Babe”, “Message in a bottle”, “I bet you think about me” (in duetto con Chris Stapleton), “Forever winter”, una nuova collaborazione con Ed Sheeran su “Run” e “The very first night”. A proposito degli inediti, la 31enne popstar statunitense ha raccontato a Fallon:

“Mi sono messa a ri-registrare la mia musica. E nel processo di registrazione ho recuperato canzoni che avevo scritto e che poi per un motivo o per l’altro non sono finite negli album pubblicati. Dicevo: ‘Questa voglio tenermela per il prossimo disco’. Poi però il disco era diverso rispetto a come me lo immaginavo inizialmente. E quindi mi domandavo: ‘E ora cosa me ne faccio di queste canzoni?’. Nessuno le ha mai ascoltate prima. Erano previste per la versione originale dell’album”.

"All too well": la versione lunga dieci minuti e il cortometraggio

L’ultima traccia di “Red (Taylor’s version)” è proprio la versione da dieci minuti di “All too well”, a proposito della quale Taylor Swift ha svelato al “Tonight Show”:

“Quando stavo scrivendo ‘Red’ la mia canzone preferita era proprio ‘All too well’. Spesso le mie preferite poi non diventano singoli, però. Quello che è successo con questa canzone è che è diventata anche la preferita dei fan, di questo disco. Avevo 21 quando la scrissi. Ero a fare le prove per il tour ed ero preoccupata per una serie di cose. Iniziai a suonare la chitarra, gli stessi quattro accordi. La band si aggiunse, mi seguì. Cominciai a cantare, raccontando come mi sentivo, cosa provavo, e la canzone veniva fuori: andò avanti così per dieci minuti. Alla fine delle prove mia mamma chiese al fonico: ‘Per caso l’hai registrata?. E lui: ‘Sì’. E le diede il cd. Ma ‘All too well’ non uscì in quella versione: era troppo lunga. Ecco, questa è la versione originale. Con il testo originale”.

Il cortometraggio di “All too well” uscirà su YouTube stanotte. Ha per protagonisti la 19enne attrice Sadie Sink (già vista in “Stranger things”: esordì nella serie dei fratelli Matt e Ross Duffer nella seconda stagione, interpretando il personaggio di Maxine “Max” Mayfield) e il 30enne Dylan O’Brien (lanciato dalla serie “Teen wolf”): “È una cosa assolutamente nuova, per me”, ha detto Taylor Swift a proposito del debutto alla regia di un cortometraggio.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.