Rockol Awards 2021 - Vota!

La storia di come Adele ha monopolizzato gli impianti di vinili, creando il panico

Impianti in affanno, liste d'attesa lunghe fino a nove mesi, panico tra big come Ed Sheeran e Coldplay. C’è stato un tempo in cui Adele era vista come la “Santa protettrice della discografia”. Oggi sembra più potente della discografia stessa.
La storia di come Adele ha monopolizzato gli impianti di vinili, creando il panico
Credits: Simon Emmett

A spifferare la notizia è stato Ed Sheeran. Lo ha fatto scegliendo la via dell’ironia, ma senza nascondere un filino di irritazione, consapevole – questo lo aggiungiamo noi – che l’imminente uscita del nuovo album della collega metterà i bastoni tra le ruote al suo “=” (e non a caso s’è affrettato a farlo uscire, per evitare un pericoloso confronto diretto nelle classifiche). Il rosso cantautore ha rivelato che per permettere a “=” di uscire in formato vinile in concomitanza con la release digitale, lui e la sua casa discografica hanno dovuto consegnare il master agli impianti che stampano i 33 giri addirittura a luglio, tre mesi prima dell’effettiva pubblicazione. Il motivo? “Adele aveva prenotato tutti gli impianti. Io, i Coldplay, Taylor Swift, gli ABBA e Elton John eravamo tutti alla ricerca di spazi in cui far stampare i nostri vinili”. La storia è stata poi approfondita da Variety, portale considerato tra le fonti più autorevoli per quanto riguarda le notizie relative all’industria. Gole profonde vicine a Sony Music, che il prossimo 19 novembre spedirà nei negozi il nuovo, atteso lavoro della diva pop britannica, hanno rivelato alla testata che di “30” – questo il titolo dell’ideale successore di “25” – sono state già stampate 500 mila copie negli ultimi sei mesi. Come? Semplice: Adele e i suoi hanno monopolizzato gli impianti di stampa dei vinili. Creando lunghissime liste di attesa.

    A spifferare la notizia è stato Ed Sheeran. Lo ha fatto scegliendo la via dell’ironia, ma senza nascondere un filino di irritazione, consapevole – questo lo aggiungiamo noi – che l’imminente uscita del nuovo album della collega metterà i bastoni tra le ruote al suo “=” (e non a caso s’è affrettato a farlo uscire, per evitare un pericoloso confronto diretto nelle classifiche). Il rosso cantautore ha rivelato che per permettere a “=” di uscire in formato vinile in concomitanza con la release digitale, lui e la sua casa discografica hanno dovuto consegnare il master agli impianti che stampano i 33 giri addirittura a luglio, tre mesi prima dell’effettiva pubblicazione. Il motivo? “Adele aveva prenotato tutti gli impianti. Io, i Coldplay, Taylor Swift, gli ABBA e Elton John eravamo tutti alla ricerca di spazi in cui far stampare i nostri vinili”. La storia è stata poi approfondita da Variety, portale considerato tra le fonti più autorevoli per quanto riguarda le notizie relative all’industria. Gole profonde vicine a Sony Music, che il prossimo 19 novembre spedirà nei negozi il nuovo, atteso lavoro della diva pop britannica, hanno rivelato alla testata che di “30” – questo il titolo dell’ideale successore di “25” – sono state già stampate 500 mila copie negli ultimi sei mesi. Come? Semplice: Adele e i suoi hanno monopolizzato gli impianti di stampa dei vinili. Creando lunghissime liste di attesa.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.