Rockol Awards 2021 - Vota!

Mark Lanegan ha rischiato la vita a causa del Covid

Prima la perdita dell’udito, poi il ricovero in ospedale e il coma. E, ancora adesso, a mesi di distanza, la sua salute ha alti e bassi...
Mark Lanegan ha rischiato la vita a causa del Covid

Il già leader degli Screaming Trees e collaboratore fisso dei Queens of the Stone Age Mark Lanegan ha rischiato grosso dopo aver contratto l’infezione da Sars-Cov-2 lo scorso mese di marzo. A raccontarlo sono le note stampa che hanno accompagnato l’annuncio della pubblicazione di un nuovo libro firmato dall’artista, “Devil in a Coma”, la cui presentazione sui mercati anglofoni è fissata per il prossimo 14 dicembre. Nella nota che la casa editrice ha diffuso per promuovere l’uscita si racconta di come Lanegan sia stato trovato positivo al Covid-19 lo scorso mese di marzo: la malattia, contratta in forma decisamente aggressiva, non solo l’aveva privato completamente dell’udito, ma aveva fiaccato molto gravemente il suo fisico.

Molto debilitato, il cantante si è fratturato le costole nel corso di un banale incidente domestico: immediatamente ricoverato perché “incapace di respirare”, l’artista è entrato in coma all’ospedale universitario della contea di Kerry, in Irlanda, con “poche prospettive di sopravvivenza”. Questa esperienza estrema avrebbe fornito all’artista l’ispirazione per mettere mano a un nuovo volume, ideale seguito del recente “Sing Backwards and Weep”, uscito appena un anno fa.

Benché scampato alla morte, Lanegan non sarebbe ancora tornato alla migliore delle condizioni: come riferito da CoS, benché il cantante abbia riacquistato l’udito, la sua salute - secondo l’editore del libro - registra ancora “alti e bassi”.

Una delle voci più apprezzate a autorevoli sul panorama alt-rock americano, Lanegan ha alle spalle una lunga storia di problemi di medici, a cominciare dalle dipendenze da alcol ed eroina, che l’hanno tormentato dall’inizio degli anni Novanta alla prima metà degli anni Duemila: amico di Kurt Cobain, l’artista fu incoraggiato a dedicarsi alla parola scritta da Anthony Bourdain, lo sfortunato cuoco, documentarista e personaggio televisivo tragicamente scomparso nel 2018 all’età di 61 anni.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.