Rockol Awards 2021 - Vota!

Siamo psicologicamente pronti per il ritorno di Björk?

La cantautrice islandese sta per pubblicare un nuovo album, il primo in quattro anni: ecco cosa bisogna aspettarsi dall'ideale successore di "Utopia" del 2017.

Sta succedendo. Björk sta per tornare sulle scene con un nuovo album di inediti, il primo in quattro anni. L'ideale successore di "Utopia" del 2017 non ha ancora né un titolo né una data d'uscita, ma la poliedrica artista islandese ha già iniziato a parlarne, rompendo un lungo silenzio. Lo ha fatto in una recente intervista concessa all'emittente televisiva di Reykjavik RUV in occasione della serie di show che la voce di "Hyperballad" sta tenendo alla Harpa Hall, prestigiosa sala da concerti della capitale islandese, e che la vedono eseguire i brani di album come "Homogenic" del '97, "Vespertine" del 2001 o dei più recenti "Biophilia", "Volta" e del già citato "Utopia" accompagnata da un'orchestra. 

Björk ha lasciato intendere che le lavorazioni del nuovo album di inediti, che sarà l'undicesimo della sua carriera (il primo, intitolato semplicemente "Björk", uscì nel 1977, quando la cantautrice aveva solamente dodici anni, e oggi è una rarità), sono a buon punto, ma non si è sbilanciata sulle tempistiche legate alla pubblicazione. L'artista, salita alla ribalta con la cover di "It's oh so quiet" che nel '93 rese più celebre della versione originale (l'album in cui era contenuta, "Post", vendette 3 milioni di copie a livello mondiale), ha fatto sapere che le canzoni del nuovo disco sono state in gran parte ispirate alla pandemia di Covid-19 che ha messo in ginocchio il mondo intero in questi mesi. Nell'intervista, Björk non ha nascosto di aver approfittato dello stop forzato per prendersi del tempo per recuperare energie:

Non ho mai trascorso un periodo così meraviglioso come questi diciotto mesi di Covid. Svegliarmi ogni giorno nel mio letto, godermi un po' di calma. Non succedeva da quando avevo sedici anni.

Anche musicalmente il disco è figlio, a modo suo, della pandemia e delle misure restrittive:

La maggior parte delle canzoni che ho fatto viaggiano sugli 80 o i 90 bpm. È il ritmo che seguo quando cammino. Ma nel finale le canzoni diventano pezzi da club. L'ho immaginato come un disco pensato per aiutare le persone a ricreare nel salotto di casa l'atmosfera dei club: si balla in casa. 

La recente collaborazione con Arca su "Afterwards" contenuta in "Kick I", l'album della produttrice - che si definisce artista non binaria - uscito nell'estate dello scorso anno, lascia intendere che l'intesa con Björk si sia rinnovata anche per il successore di "Utopia".

La musicista islandese cominciò a collaborare con Arca, anche al fianco di FKA Twigs, Kanye West, Frank Ocean e più recentemente anche di Lady Gaga (suo il remix del duetto con Ariana Grande su "Rain on me" incluso in "Dawn of Chromatica"), ai tempi di "Vulnicura", l'album del 2015 considerato dalla critica uno dei lavori migliori di quell'annata. È probabile che nei nuovi brani ci sia anche lo zampino di Karin Dreijer e del duo The Knife, musicisti svedesi con i quali nel 2019 Björk ha inciso l'Ep di remix "Country creatures". .

Il disco dovrebbe raggiungere il mercato il prossimo anno. Peraltro, il 2022 segnerà il ritorno di Björk sul grande schermo: la cantautrice è nel cast di "The Northman", film epico diretto dal regista americano Robert Eggers, già dietro la cinepresa per "The witch" del 2015 e "The lighthouse" del 2019, insieme a Nicole Kidman, Anya Taylor-Joy (nota ai più per aver interpretato la protagonista della fortunata serie Netflix "La regina degli scacchi"), Ethan Hawke e Willelm Dafoe. La pellicola sarà ambientata in epoca vichinga, nell’Islanda del X secolo: se non Björk, chi?

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.