Rockol Awards 2021 - Vota!

U2: il giorno in cui si conobbero quattro ragazzi irlandesi

Se gli U2 esistono una parte del merito va al padre del batterista Larry Mullen Jr.
U2: il giorno in cui si conobbero quattro ragazzi irlandesi

Il primo incontro tra i vari membri degli U2 avvenne il 25 settembre 1976 e il merito di avere riunito quei quattro ragazzi che negli anni seguenti avrebbero scritto tutta una serie di pagine nel grande libro del rock è da ascrivere al padre del batterista del gruppo irlandese Larry Mullen Jr..

Secondo quanto tramandato ai posteri, Mullen senior notò quanta passione per la musica bruciasse dentro il figlio allora quattordicenne e pensò di assecondarne l'inclinazione.

Il giovane Larry aveva preso delle lezioni di batteria e aveva il desiderio di formare una rock band.

Nel volume 'U2 by U2' il batterista a proposito del padre ricorda: "Non siamo andati sempre d'accordo, ma nonostante tutto, lui guardava ancora le spalle. Lui pensava, 'OK, il ragazzo vuole suonare la batteria. Come posso aiutarlo a sopravvivere e a muoversi in questa cosa, perché non diventerà mai un chirurgo.'"

Il papà di Larry pensò quindi di pubblicare alla Mount Temple Comprehensive School di Dublino l'annuncio "cercasi musicisti". Dice ancora Mullen Jr.: "Penso che il testo dicesse qualcosa del tipo, 'Batterista cerca musicisti per formare una band'. Pensai che fosse divertente. Niente di più. Nessuna grande idea, nessuna aspettativa."

L'avviso non cadde nel vuoto. Al primo incontro nella cucina dei Mullen si presentarono tutti i futuri membri degli U2: il cantante Paul Hewson in arte Bono, il chitarrista David Evans aka The Edge e il bassista Adam Clayton. Oltre a loro anche il fratello maggiore di Edge, Dick Evans, anche lui chitarrista, poi Peter Martin e Ivan McCormick, un altro chitarrista.

I futuri membri degli U2 di vista più o meno si conoscevano. Edge aveva frequentato una scuola con Clayton, mentre la reputazione di Bono lo precedeva: Edge ricordava di averlo visto durante l'ora di pranzo "cercando di impressionare alcune ragazze" suonando delle canzoni dei Beatles.

Questa scena fece impressione a The Edge che in 'U2 by U2', a distanza di molti anni, rivela: "Non potevo fare a meno di notare che ero un musicista migliore, eppure lui era più popolare. Presi nota mentalmente che forse il modo in cui portavi la chitarra era importante almeno quanto sapevi suonarla."

La sicurezza, il carisma e il fascino di Bono si misero in mostra già a quel primo incontro. "Fu la 'Larry Mullen Band' per circa dieci minuti, per non ferire i miei sentimenti", ha ammesso candidamente Mullen Jr.. "Era anche la mia cucina. Poi arrivò Bono e fu la fine. Lui cancellò ogni mia possibilità di stare al comando."

McCormick e Martin finirono per abbandonare la band piuttosto rapidamente, così come il fratello di Edge. I quattro rimasti decisero di chiamarsi Feedback e iniziarono a lavorare per migliorarsi. I musicisti avevano influenze diverse. Tutti e quattro concordavano su T. Rex e David Bowie, a The Edge piaceva Rory Gallagher, Bono preferiva i Beach Boys e il primo rock 'n' roll, mentre Larry Mullen Jr. amava gli Eagles grazie alla sorella.

Secondo U2gigs.com, il primo concerto della band come Feedback ebbe luogo qualche tempo dopo nel 1976 alla Mount Temple, durante uno spettacolo di fine semestre. I quattro suonarono una serie di cover per una decina di minuti, tra queste "Show Me the Way" di Peter Frampton, "Bye, Bye, Baby (Baby Goodbye)" dei Bay City Rollers e un medley di canzoni dei Beach Boys. "Penso che la verità sia che fossero le uniche canzoni che potevamo suonare fino in fondo", ha confessato The Edge anni dopo. Quello fu l'unico concerto che il quartetto suonò nel 1976, quello fu il primo concerto degli U2 anche se non si chiamavano ancora U2.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.