Rockol Awards 2021 - Vota!

Yngwie Malmsteen: "Eddie Van Halen ha cambiato tutto"

Il chitarrista svedese non manca di elogiare il genio del musicista scomparso lo scorso anno
Yngwie Malmsteen: "Eddie Van Halen ha cambiato tutto"

Yngwie Malmsteen ha sempre molto ammirato Eddie Van Halen e l'ha ribadito una volta di più nel corso di una chat live con i fan sul proprio canale YouTube sostenendo che il chitarrista di natali olandesi scomparso nell'ottobre del 2020 "ha cambiato tutto".



Queste a seguire le parole proferite dal 58enne chitarrista svedese raccolte dal sito dedicato alla musica rock Blabbermout.net: "Cosa si può dire di Eddie? Mi spiego, ha cambiato tutto. Suonavo già da un po' quando l'ho sentito. Ed era completo, era, tipo 'Wow!' Tutta la band, quando è uscito il primo album. Tutti quelli che conoscevo avrebbero voluto modificare le loro Stratocaster, mettere degli humbuckers e cose del genere. Io non volevo farlo, perché quello è Eddie e bisognava lasciare che Eddie fosse Eddie. Ma mi ha influenzato in altri modi, nell'essere spontaneo, cosa che comunque sono sempre stato. Il modo in cui hanno realizzato quei primi due album, mi sono piaciuti in tutto. Era una cosa tipo dal vivo-in-studio. Mi piace davvero. È stato fantastico, tutto era fantastico. Eddie era stupefacente. Dio lo benedica. Incredibile. Non ci sono abbastanza parole, sul serio."

Lo scorso maggio, nel corso di una intervista con Aftershocks TV, a Malmsteen venne chiesto se i paragoni che venivano fatti con Van Halen agli inizi della sua carriera, avessero un qualche fondamento.

Yngwie rispose così: "Non credo nei paragoni, perché dovrebbe essere una forma d'arte. Tuttavia, nell'arte, in ogni arte, ci sarà sempre qualcuno che arriva e capovolge tutto, e Edward era sicuramente uno di questi. Anch'io ho portato qualcosa di diverso in tavola. Io personalmente ho amato Eddie Van Halen, ho pensato che fosse fantastico. Ho amato tutto ciò che ha fatto dalla prima volta che l'ho sentito. Ma non credo sia una cosa logica confrontare gli artisti. È come farlo tra Picasso e Da Vinci, che hanno stili completamente diversi, ma sono artisti molto apprezzati a pieno titolo. È una cosa pazzesca da fare".



Anche nel 2019 Yngwie Malmsteen non mancò di elogiare Eddie Van Halen dicendo, a Music Radar, che era stato uno dei dieci chitarristi che lo avevano più impressionato. "Avevo tredici anni quando uscì quel fottuto primo album ("Van Halen" nel 1978, ndr) e catturò la mia attenzione. All'epoca non mi piacevano i chitarristi; era tutta una questione di musica classica. Ma quello che mi piaceva di loro era la crudezza, niente sovraincisioni; cazzo, sono semplicemente arrivati e l'hanno fatto."
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.