Rockol Awards 2021 - Vota!

Addio ad Alan Hawkshaw

Il compositore britannico è morto all’età di 84 per le conseguenze di una polmonite
Addio ad Alan Hawkshaw

Alan Hawkshaw, compositore note per aver firmato le sigle di popolari trasmissioni televisive inglesi come “Countdown” e “Grange Hill”, è morto nelle prime ore di ieri, sabato 16 ottobre, nell’ospedale dove era stato ricoverato una settimana fa perché colpito da un’aggressiva forma di polmonite: l’artista, le cui condizioni di salute erano già labili da tempo, lo scorso mese di luglio era stato colpito da un ictus, il quarto tra quelli che aveva accusato negli ultimi anni.

A dare notizia della scomparsa è stata l’agenzia DNA Music Limited, che sui propri canali social ha diffuso un messaggio della moglie di Hawkshawk, Christiane: “E’ stato straziante dirgli addio”, si legge nella nota, “Abbiamo trascorso le ultime ore guardandoci con amore, tenendoci per mano, senza bisogno di parole. Gli ho detto che lui e io eravamo per sempre, e anche se non è stato in grado di parlare negli ultimi due mesi, è riuscito a capire 'per sempre' e sapevo che era in pace”.

“I produttori hip hop in particolare hanno saccheggiato il catalogo di opere di Alan, incluso il più grande di tutti, Jay-Z con ‘Pray’ che è apparso nell'album American Gangster”, si legge nel comunicato: “Alan ci scherzava spesso sopra, dicendo: 'Sono uno degli artisti rap più anziani del mondo’”.

Accanto alle citazioni disseminate in svariate produzioni urban, Hawkshawk incrociò con la propria carriera il mondo del rock e del pop militando negli anni Sessanta nella band di Emile Ford & The Checkmates, con la quale accompagnò in tournée i Rolling Stones: successivamente, negli anni Settanta, si unì per un breve periodo agli Shadows, per poi collaborare con artisti come Olivia Newton-John (per la quale curò l’arrangiamento di “I Honestly Love You”), Barbra Streisand, Tom Jones e David Bowie, con il quale collaborò - in veste di tastierista - per il materiale registrato presso la BBC a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta poi fatto confluire nella raccolta pubblicata nel 2000 “Bowie at the Beeb”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.