Quella volta che i Beatles pensarono di licenziare George Harrison

Lo avrebbero sostituito con un altro grande, grandissimo virtuoso delle sei corde. Che Harrison conosceva molto bene.
Quella volta che i Beatles pensarono di licenziare George Harrison

L'aneddoto è uno dei tanti inclusi nel libro "The Beatles: Get back", che sarà pubblicato in tutto il mondo - Italia compresa - il prossimo 12 ottobre, realizzato trascrivendo le 120 ore di registrazioni che Peter Jackson ha trovato negli archivi del quartetto di Liverpool per realizzare la serie sulle sessions di "Let it be" che andrà in streaming Disney+ il 25, 26 e 27 novembre. Quelle 120 ore, trascritte dal critico musicale britannico John Harris, restituiscono il clima che si respirava tra le pareti degli Apple Studios nel mese di gennaio del 1969, durante il quale i Beatles incisero l'album che avrebbero poi spedito nei negozi l'8 maggio del 1970, un anno dopo, quando la band aveva già ufficializzato lo scioglimento. Ci sono momenti in cui John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr, che hanno già alle loro spalle dieci album in studio e hanno appena pubblicato la colonna sonora di "Yellow Submarine", si divertono e si prendono in giro scherzosamente; ma ci sono anche attimi di tensione che lasciano intuire che la storia dei Beatles sta ormai giungendo al capolinea. Come quando George Harrison, durante un momento di nervosismo, lascia lo studio di registrazione. E gli altri pensano di sostituirlo. Con chi? Nientemeno che Eric Clapton.

In uno dei nastri, come anticipa il New Musical Express, si sente John Lennon sbottare dopo che il chitarrista ha lasciato gli Apple Studios, proprio nel bel mezzo delle sessions dell'album, che inizialmente avrebbe dovuto intitolarsi "Get back" e che alla fine si intitolerà "Let it be". Lennon decide di dare qualche giorno di tempo a Harrison per tornare sui suoi passi, ma dice di avere già pronto un piano b: convocare in studio di registrazione Eric Clapton, legato a Harrison da una solida amicizia (solo pochi mesi prima, nell'autunno del 1968, il chitarrista dei Cream aveva aiutato l'amico con le registrazioni di "While my guitar gently weeps", intervenendo direttamente in studio). 

Lennon sembra molto arrabbiato con George Harrison, tanto da arrivare a dire:

Quello che ha fatto è una ferita purulenta. Gli abbiamo permesso di andare in profondità senza neppure mettere delle bende sulla ferita. Se entro la prossima settimana non torna, chiederemo a Eric Clapton di suonare nel disco. 

Sei giorni dopo, George Harrison sarebbe tornato in studio e tutto si sarebbe così risolto per il meglio.

"The Beatles: Get back", lungo 240 pagine, è il primo libro ufficiale dei Beatles dopo “The Beatles Anthology”, che uscì nel 1995. Il 15 ottobre l'album “Let It Be” tornerà nei negozi in versione speciale, con tracce inedite e rarità.

 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.