Roger Taylor: perché Freddie Mercury non ha permesso ai Queen di scrivere canzoni politiche

Il batterista del gruppo di “We will rock you” presenta il suo nuovo album “Outsider”, e riflette sulla differenza tra i suoi brani e quelli dei Queen
Roger Taylor: perché Freddie Mercury non ha permesso ai Queen di scrivere canzoni politiche

Ieri, 1 ottobre, Roger Taylor ha pubblicato il suo nuovo album in studio intitolato “Outsider”, sesto disco della carriera solista del batterista dei Queen. Nel corso di una delle interviste rilasciate di recente per presentare la sua ultima prova sulla lunga distanza, il 72enne artista britannico ha riflettuto sulle differenze tra alcuni suoi brani, definiti da lui come “canzoni politiche”, e quelli della band un tempo guidata da Freddie Mercury sottolinenando che il compianto cantante della formazione di “We will rock you” non permetteva ai suoi compagni di scrivere pezzi con temi sociali e di cronaca.

A margine di una chiacchierata per Music Radar, Taylor ha spiegato:

“Suppongo che la grande differenza tra i Queen e questo album sia che ho scritto un paio di quelle che si potrebbero chiamare ‘canzoni politiche’. Qualcosa che non abbiamo fatto davvero come band per via di una scelta consapevole. Proprio all'inizio - pur ricordando che negli anni ’70 si verificavano un sacco di avvenimenti politici hardcore - Freddie disse: ‘Sentite, non voglio essere coinvolto in tutto questo. Voglio girare il mondo suonando canzoni che le persone possano apprezzare. Non sono qui per consegnare un messaggio’. Penso che sia ancora un buon modo di vederla. Non voglio diventare troppo… predicatore”.

Il batterista ha aggiunto: “Spero di essere riuscito a restare dalla parte giusta della linea sottile tra musica rock e politica. Spero di non arrivare mai al punto di saltellare sul palco, pontificando su cosa c’è che non va nel mondo. Freddie non mi perdonerebbe mai”. 

Il processo di composizione e di scrittura per Roger Taylor rimane uguale al suo modo di lavorare con i Queen, non pianificando quando scrivere un brano per i suoi progetti solisti o per la band. "Non mi alzo la mattina pensando: 'Oggi scriverò una canzone dei Queen' o 'Scriverò una canzone per il nuovo album solista’”, ha spiegato l’artista. E ancora: “Solo a conclusione di qualcosa comincio a pensa alla destinazione di una canzone. Ad esempio, “A kind of magic" era ovviamente una canzone dei Queen. Lo stesso con 'Radio Ga Ga’”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.