Quando un giovane Dave Grohl venne scelto per suonare con Iggy Pop

Il frontman dei Foo Fighters ricorda le sue prime esperienze come musicista quando suonava con gli Scream
Quando un giovane Dave Grohl venne scelto per suonare con Iggy Pop

Prima di dare vita al progetto Foo Fighters e prima ancora di entrare nei Nirvana, Dave Grohl da ragazzo suonava la batteria negli Scream, gruppo punk originario di Washington DC. Recentemente intervistato da Howard Stern per il suo show radiofonico su Sirius XM, il 52enne musicista statunitense ha ricordato le sue prime esperienze per raccontare il momento in cui è stato scelto per esibirsi con Iggy Pop.

“Ero un musicista professionista che guadagnava 7 dollari al giorno, in giro con altri sei tizi puzzolenti”, ha narrato Grohl, ospite dell’”Howard Stern Show”, ripensando ai suoi primi anni di carriera. Ha aggiunto: “Era fottutamente fantastico, amico”.

Tornando con la mente a una tappa di un tour degli Scream, con cui Dave Grohl ha girato i palchi di tutto il mondo e registrato due album - "No more censorship” (1988) e “Fumble” (1993) - il frontman dei Foo Fighters ha ricordato un’interessante proposta ricevuta mentre era in attesa di suonare con il suo gruppo. Parlando dell’incredibile opportunità che gli si è presentata in quell’occasione, il leader della band di “In your honor” ha spiegato: “Mancavano sei ore prima di suonare. Me ne stavo lì seduto ad aspettare quando un ragazzo viene da noi e chiede: ‘Chi è il batterista?’”.

Dopo una prima reazione di esitazione, di cui Grohl ha narrato: “Pensai: ‘Oh cazzo, cosa ho fatto?’, il già batterista dei Nirvana ha ricordato dell’offerta ricevuta: “Il ragazzo disse: ‘Vuoi suonare la batteria con Iggy Pop?’”. Da grande ammiratore del già leader degli Stooges, Dave Grohl non si fece sfuggire l’occasione di suonare con una leggenda. "Sono andato e c'era Iggy con una chitarra", ha raccontato Grohl a Howard Stern. “Si stava esibendo, ma non aveva una band. Mi ha detto: ‘Conosci la mia musica?’ Ho riposto: ‘Assolutamente’. Mi sono seduto e ha iniziato a suonare ‘1969’ o ‘I Wanna Be Your Dog’ ed è incredibile. Eravamo solo noi due".

Il frontman dei Foo Fighters ha poi spiegato di aver provato altre canzoni con Iggy Pop prima che questo gli dicesse: "Okay, suoniamo alle sei". Dave Grohl su quell’esperienza ha successivamente detto: “Quella notte è stata la prima volta in cui ho sentito di potercela fare". E ancora: “Se fosse stata l'ultima volta, sarei stato fottutamente bravo. Perché non solo stavo suonando con Iggy, ma i discografici pensavano che fossimo la sua band e ho realizzato: 'Oh mio dio. Potrei avere tutto quello che voglio in questo momento!' E due ore dopo, era finita. Ero di nuovo nel fottuto furgone con i miei amici puzzolenti nel fottuto sacco a pelo".

Il prossimo ottobre sarà pubblicato in Italia da Rizzoli “The storyteller: tales of life and music” il primo libro di Dave Grohl, che con il suo gruppo ha pubblicato lo scorso luglio il disco “Hail Satin” con 5 cover di brani dei Bee Gees e nuove versioni live dell’ultimo album dei Foo Fighters, “Medicine at midnight”, uscito a febbraio 2021.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.