I Giardini di Mirò sono tornati con una suite da 19 minuti

Si tratta di un progetto composto e suonato in studio dalla band e registrato totalmente in analogico.
I Giardini di Mirò sono tornati con una suite da 19 minuti
Credits: Simone Mizzotti

Tornano a sorpresa i Giardini di Mirò e lo fanno con uno dei progetti più ambiziosi della loro carriera. Un nuovo disco, una vera e propria suite interamente strumentale composta e suonata in studio dalla band e registrata totalmente in analogico (la produzione di Bruno Germano). Realizzato tra ottobre del 2020 e aprile 2021, “Del tutto illusorio” fotografa una band capace di dare vita a una composizione che alterna momenti più rarefatti a pure esplosioni sonore.

Essendo stato composto all’inizio del lockdown (marzo 2020), “Del tutto illusorio” rappresenta un unicum nella discografia dei GD: la suite è stata infatti realizzata durante un periodo molto lungo in cui i membri della band non si sono quasi mai ritrovati in studio tutti insieme, costretti a lavorare a distanza. Infatti il pezzo dal momento della scrittura alla versione definitiva ha subito diverse modifiche che hanno quasi scandito e accompagnato gli eventi che via via si sono succeduti in questo anno e mezzo pandemico. A vent’anni esatti dall’album d’esordio, “Rise and Fall of Academic Drifting” e a circa tre da “Different Times”, l’ultimo lavoro in studio (2018), i Giardini di Mirò continuano a guardare avanti per la loro strada, agendo al di là delle convenzioni e delle regole della discografia.

L’album uscirà - ovviamente anche in vinile - trasparente, inciso solo in un lato, in edizione limitata di 500 copie. Ispirandosi in parte, come concetto, alle lunghe suite anni 70, il brano sfocia in un tempo liquido, alternando momenti onirici a improvvisi risvegli per poi tornare a dissolversi nel sogno, in un alternarsi tra giorno e notto, quiete e risveglio. I Giardini di Mirò presenteranno “Del tutto illusorio” dal vivo, in anteprima, a Parma, al Teatro Farnese il prossimo 10 ottobre all’interno del festival “Il rumore del lutto”. I Giardini di Mirò sono Corrado Nuccini, Jukka Reverberi, Emanuele Reverberi, Luca di Mira, Lorenzo Cattalani e Andrea Scarfone.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.