John Bonham, il più grande batterista rock di tutti i tempi

Il drummer dei Led Zeppelin è mancato oltre 40 anni fa, per molti è ancora ineguagliato
John Bonham, il più grande batterista rock di tutti i tempi

"Potrà essere uno spazzino, o un milionario". Probabilmente quello che ha fotografato John Bonham meglio di tutti è stato uno che non solo non lavorava nel settore musicale, ma che nemmeno l'ha mai visto suonare: la frase riportata all'inizio, ci raccontano i suoi biografi, fu elaborata dal preside della scuola media di quello che sarebbe stato il futuro batterista dei Led Zeppelin.

Genio e sregolatezza sono lussi che soltanto pochissimi si sono potuti permettere con le bacchette in mano - forse solo lui e Keith Moon - eppure, nel caso di John Bonham molto di più che in quello del collega di Townshend e Daltrey negli Who, l'eccezionale talento, la classe sconfinata, l'estro siderale e la capacità di innovare radicalmente quella che è una colonna del tipico sound rock moderno - la batteria - sono riusciti a oscurare tutto il resto.

In lui, come preconizzato dal direttore della sua scuola, sono riusciti a convivere per trentadue anni uno dei geni più grandi ma apparsi sullo sgabello di una batteria e una pervicace volontà di annullarlo.

Piuttosto che scadere nella frusta retorica dell'autodistruzione legata al talento, forse conviene pensare che doveva andare così, e mettersi il cuore in pace. John Bonham terminò la sua corsa in una stanza della villa del compagno di band Jimmy Page il 25 settembre 1980. Per ricordarlo vi proponiamo una carrellata di opinioni su di lui espresse, negli anni, da gente che l'ha conosciuto o che - in ogni caso - sa cosa significa dare il ritmo ad alcune delle più grandi band del pianeta. Perché che Bonzo fosse il più grande di tutti non è affatto un luogo comune.

"Il più grande batterista rock di tutti i tempi è stato John Bonham"

(Roger Taylor, Queen)

"E' stato il migliore"

(Charlie Watts, Rolling Stones)

"Giù le mani dal fatto che sia stato il più grande batterista rock di sempre"

(Chad Smith, Red Hot Chili Peppers)

"Suonava la batteria come qualcuno che non sapeva cosa sarebbe successo dopo, come se fosse in equilibrio sul bordo di un burrone. Da allora nessuno è più riuscito ad avvicinarsi a lui, e non credo che in futuro nessuno sarà mai capace di farlo. Sarà per sempre il più grande batterista di tutti i tempi"

(Dave Grohl, Nirvana e Foo Fighters)

"E' stato senz'altro il più grande batterista rock and roll mai vissuto. E tutto quello che abbiamo è merito suo, davvero"

(Jimmy Page)

"La sua essenza stava in quello che non suonava, piuttosto che in quello che suonava. Era in quello che lasciava fuori"

(Robert Plant)

"Il rock and roll è morto nel giorno in cui è morto John Bonham"

(Billy Joel)

"John si è seduto dietro questa minuscola batteria, riuscendo a ottenere il suo suono da una grancassa da 18 pollici, da un rullante da 4 pollici e da due tom da 12 e 14 pollici. Ero quasi scioccato da come stava suonando e dal suond che era riuscito ad ottenere. Il sound dei Led Zeppelin usciva da questa piccola batteria"

(Dave Mattacks, batterista e produttore - Fairport Convention)

"Il fatto non è che Bonham picchi duro sulla batteria. E' che picchia bene"

(Bruce Wittet, Modern Drummer Magazine)

"Ci agganciavamo alla perfezione fin dalla prima battuta. Era fantastico. Il sogno di ogni bassista."

(John Paul Jones)

"Picchiare duro è una cosa che tutti i batteristi sono capaci di fare, o anche solo gli amanti della batteria. Quando vedi qualcuno che quasi distrugge la batteria a furia di picchiarci sopra - quando lo vedi per la prima volta di persona - è qualcosa di fantastico. Sebbene io abbia suonato sempre molto forte, dopo averlo visto ho iniziato a voler suonare ancora più forte: mi ha impressionato così tanto vederlo in azione"

(Cozy Powell - Jeff Beck Group, Rainbow, Whitesnake, Gary Moore, Black Sabbath e altri)

"La gente ancora oggi cerca di imitare i Led Zeppelin. Gli Stati Uniti sono pieni di batteristi che cercano di suonare come John Bonham"

(Roger Taylor, Queen)

"Aveva un'enorme pancia da birra. E suonava in modo incredibile, da non credere"

(Pete Townshend, Who)

"John Bonham è il dio del rock and roll, e i Led Zeppelin la migliore rock band di sempre"

(J. Mascis, Dinosaur Jr.)

"John Bonham è stato l'innovatore che oggi tutti imitiamo. (...) La sua finezza alla batteria è paragonabile a quella di Jeff Beck alla chitarra: era l'unico a poter fare quello che faceva"

(Joey Kramer, Aerosmith)

"Sarei stato felice di fargli da roadie. Era la forza dietro ai Led Zeppelin"

(Larry Mullen Jr, U2)

"John Bonham suonava diritto al cuore. Il suo stile non era perfetto, ma quando attaccava un groove era così profondo da sembrare un battito cardiaco"

(Dave Grohl, Nirvana e Foo Fighters)

"Non era solo un grande batterista, ma anche un tizio terribile."

(Paul Rodgers - Free, Bad Company e Queen)

"John Bonham è stato il mio batterista preferito di sempre."

(Don Powell, Slade)

"Jimmy Page era un figo, ma non sarebbe riuscito a reggere un fraseggio senza John Bonham dietro di lui"

(Prince)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.