Phil Collins ha un modo di lavorare che non piace agli altri Genesis

Tony Banks e Phil Rutherford sono un poco contrariati.
Phil Collins ha un modo di lavorare che non piace agli altri Genesis

Tony Banks e Phil Rutherford sono leggermente contrariati dall'approccio al lavoro del loro compagno dei Genesis Phil Collins. A rivelarlo è lo stesso Collins in una intervista concessa al quotidiano inglese The Guardian.

La delusione con cui dovrebbero fare i conti Banks e Rutherford emerge quando gli viene domandato a quale genere di esercizio si sottopone per mantenere in forma la propria voce, l'oggi settantenne interprete di "In the Air Tonight" risponde molto schiettamente: "Non faccio proprio niente.

Non mi alleno a cantare a casa, per nulla. Le prove sono il mio allenamento. Questi ragazzi se la prendono sempre con me, ma io devo fare in questo modo".

In un'altra intervista, uscita la scorsa settimana, Phil Collins aveva confessato di non riuscire più a suonare la batteria poiché non è assolutamente più in grado di tenere le bacchette in mano e ora, proprio a causa di questi problemi legati alla salute, è costretto ad esibirsi sul palco seduto su di una sedia. Ciò accade ormai da qualche anno come già, per esempio, nel suo concerto milanese del giugno 2019. Detto questo Collins non crede che questa nuova situazione "sia di impiccio" per la resa delle sue performance. "Certo, la mia salute cambia le cose, fare uno spettacolo seduto cambia le cose. Ma in realtà ho scoperto che nei miei recenti tour da solista, questa cosa non ha interferito. Il pubblico ascolta ancora e interagisce. Non è il modo in cui avrei voluto, ma è così".

Il suo posto dietro piatti e tamburi della batteria dei Genesis nell'imminente tour sarà occupato dal figlio Nicholas che ha venti anni. Phil dice di trovarsi molto bene a suonare con il figlio, poiché la sua relazione musicale con Nic si è costruita nel tempo. Ha spiegato così ciò che intende dire: "Ha iniziato a suonare con me quando aveva 16 anni. Se sento che dovrebbe concentrarsi su un qualcosa per rendere le cose migliori glielo dico, lui il giorno dopo torna e l'ha fatto. Non ha bisogno di essere sempre spinto, mette insieme tutto con notevole facilità. Portavo lui e suo fratello più piccolo a scuola in automobile e mettevano su un CD dal vivo dei Genesis. Lo lasciavo suonare nella sua camera e sentivo i suoi progressi; da che ricordo ha sempre suonato bene."

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.