I molti volti di Giuni Russo

La musicista siciliana ci ha lasciato il 14 settembre del 2004
I molti volti di Giuni Russo

Giuni Russo è una delle interpreti più importanti della musica pop italiana.

Nata a Palermo il 7 settembre del 1951 è morta a Milano il 14 settembre 2004 all'età di 53 anni. Cominciò a far parlare di sé appena sedicenne, grazie alla vittoria al Festival di Castrocaro 1967 con la sua cover di "A chi" (brano portato al successo da Fausto Leali nello stesso anno). Nel corso della sua carriera, lunga 35 anni, Giuni Russo riuscì a confezionare diversi successi: "Un'estate al mare", "Alghero" e "Mediterranea" sono i primi titoli che vengono in mente. Ma ad un certo punto, la cantautrice siciliana decise di allontanarsi dalle classifiche e di pubblicare dischi più sperimentali: passò da una hit come "Alghero" alla musica classica e dalla musica classica alla World music, finendo poi nei territori della musica sacra. I dischi del "dopo-Alghero" non riuscirono ad avere lo stesso successo di quelli più pop pubblicati alla metà degli anni '80: quando oggi si pensa a Giuni Russo, la si ricorda (ingiustamente) solamente come la cantante di "Un'estate al mare". Ma il suo repertorio è vasto, vastissimo verrebbe da dire, e contiene delle perle che meritano di essere ascoltate.

Al 1975 e al 1976 risalgono altri quattro 45 giri, noti ai più come i dischi del periodo italo-anglosassone (quattro di questi furono incisi in inglese, gli altri in italiano), pubblicati con il nome di Junie Russo. tra questi anche "Everything is gonna be alright/Vodka". Sul lato a è presente la cover di "We're doing fine", brano originariamente inciso nel 1965 da Dee Dee Warwick e poi riproposto nel 1967 da P.P. Arnold con il titolo di "Everything is gonna be alright", appunto.

Nel 1976 la cantante chiude il periodo anglo-sassone con il 45 giri "Mai/Che mi succede adesso", che funge quasi da spartiacque tra la prima fase della sua carriera e la seconda fase. Curiosamente, "Mai" è stata pubblicata su YouTube in un video in cui è presente anche l'audio di "L'onda" (brano del quale abbiamo parlato nelle pagine precedenti). "Mai" e "Che mi succede adesso" portano la firma di Cristiano Malgioglio (già autore dei brani del precedente 45 giri, "In trappola/Lui nell'anima"), Lucia Castagna, Giuni Russo, Maria Antonietta Sisini e Pierluigi Galluzzi.

"Soli noi/La chiave", datato 1978, è il primo 45 giri pubblicato a nome Giuni Russo, nome d'arte definitivo. Si rinnova la collaborazione con Cristiano Maglioglio, presente di nuovo in veste di autore.

1982. Il singolo "Una vipera sarò/Tappeto volante" (pubblicato dalla CGD in collaborazione con Ariola), che non uscì mai in Italia e che fu destinato al mercato tedesco, segna l'inizio della collaborazione con Franco Battiato. Il cantautore siciliano, che nel 1982 si godeva il successo incredibile del suo album "La voce del padrone", firma le canzoni insieme alla stessa Giuni Russo e a Maria Antonietta Sisini.

Il grande successo arriva con "Un'estate al mare", testo di Franco Battiato e musica di Giusto Pio, brano dallo stile "marittimo-vacanziero" destinato a diventare il tormentone di parecchie estati italiane (ancora oggi lo si può ascoltare in spiaggia o nelle piscine dei campeggi).

"Mediterranea" (1984), brano che dà il titolo all'omonimo album, è l'ultimo pubblicato da Giuni Russo per la CGD.

1986: con "Alghero" (altro brano dal sapore "marittimo-vacanziero") si apre una nuova fase della carriera di Giuni Russo, che nel frattempo è entrata a far parte del roster della Bubble Record.

Nel 1988 arriva un brusco cambio di rotta: Giuni Russo pubblica "A casa di Ida Rubinstein", album dedicato alla sua passione per la lirica e contenente reinterpretazioni di arie da camera e romanze di autori quali Bellini, Donizetti e Verdi (ti potrei cantare "La Norma" di Bellini con dei fonemi sardi oppure giapponesi", cantava in "Una vipera sarò"). Da questo momento in poi la cantante si addentrerà sempre di più in un repertorio molto cerebrale, quasi fuggendo dal successo pop e dalle hit.

2003. Mentre una brutta malattia le sta togliendo energie da diversi anni, Giuni Russo si presenta in gara al Festival di Sanremo con "Morirò d'amore", canzone struggente che rappresenta un suo testamento artistico e in qualche modo anche spirituale. Il testo, ricco di citazioni di Santa Teresa d'Avila e San Giovanni della Croce, è scritto insieme a Maria Antonietta Sisini e Vania Magelli, gli archi sono scritti dal Maestro Stefano Barzan, il bellissimo arrangiamento è di Franco Battiato e di Roberto Colombo. "Morirò d'amore, morirò per te. Socchiudo gli occhi e le tue mani mi accarezzano. Quelle parole urlate poi dall'eco rimandate che dal cielo cantano... Morirò d'amore, morirò per te".

Nel 2017 esce "Non voglio andare via", inedito contenuto nell'album "Armstrong": nel video c'è l'attrice Maria Grazia Cucinotta.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.