A Brian May l'ispirazione venne nel sonno

Il chitarrista dei Queen si era isolato per studiare astrofisica, ma aveva portato con sé la chitarra
A Brian May l'ispirazione venne nel sonno

Qualche anno fa Brian May ricordò come gli venne l'ispirazione per scrivere la canzone dei Queen "Tie Your Mother Down", poi inclusa come brano di apertura del quinto album in studio della band inglese "A Day at the Races" pubblicato nel dicembre del 1976.

Il chitarrista dei Queen trovò le note del brano mentre viveva tutto solo in una capanna che si era costruito sull'isola spagnola di Tenerife e stava studiando per il suo dottorato di ricerca in astrofisica.

L'ispirazione lo colpì nel sonno. Questo il racconto di May - che nella giornata di oggi compie 74 anni - fornito al conduttore radiofonico Uncle Joe Benson: "Mi sono svegliato una mattina e ho iniziato a suonare questo riff. E' un po' ispirato da Rory Gallagher. Il riff mi piaceva molto e nella mia testa sentivo questo infantile ‘Tie your mother down’ ('Lega tua madre', ndr). Ricordo di essermi seduto lì mentre il sole tramontava, a lavorare a questo riff.".

Una volta "tornato con la band, ho questo ricordo molto chiaro, dissi a Freddie, 'Guarda, ho questo riff davvero fantastico, cosa ne pensi?'. Lui, 'È veramente fantastico'. Gli dissi ancora, 'Non ho le parole, tutto ciò che ho è questo ‘tie your mother down’, che ovviamente non possiamo usare. Lui mi rispose, 'Sì, che puoi!'”.



Brian May disse di aver presto compreso che la sua idea originale "rappresenta il pianto di un adolescente che viene ostacolato nella conquista della sua ragazza da parte dei suoi genitori. Tutto aveva perfettamente senso. Ecco perché mi era entrato in testa. "Tie Your Mother Down" si è scritta da sola."

Al frontman dei Queen, Freddie Mercury, in un'intervista del 1976 su Capital Radio, furono chiesti lumi sul titolo di questa canzone e lui rispose: "Beh, questo in effetti è un brano scritto da Brian, non so perché. Forse era in uno di quei suoi stati d'animo viziosi. In realtà penso che stia cercando di farmi fuori dopo "Death On Two Legs"". Canzone facente parte dell'album "A Night at the Opera" del 1975, scritta da Mercury e dedicata al loro manager Norman Sheffield accusato dal gruppo di non avere gestito al meglio i loro affari, se non di averli derubati.

Il video di "Tie your mother down" include riprese di un concerto della band ed è stato girato al Nassau Coliseum di Long Island durante il tour statunitense del 1977 della formazione britannica. I Queen usavano comunemente delle esplosioni per fare maggiore spettacolo durante le esibizioni dal vivo. Durante le riprese della clip, il batterista Roger Taylor venne scaraventato giù dal suo sgabello da una di queste esplosioni poste vicine a lui. Fortunatamente Taylor non si fece nulla, anche se Brian May affermò molto chiaramente: "Va detto, che ho quasi ucciso Roger!".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.