Britney Spears autorizzata a scegliere il suo avvocato

La cantante ha condiviso un post con un video su Instagram ringraziando i fan e facendo sapere: “Questa sono io che oggi festeggio andando a cavallo e facendo la ruota”
Britney Spears autorizzata a scegliere il suo avvocato

Nel mezzo della battaglia legale che vede Britney Spears contro la tutela legale affidata da 13 anni a James “Jamie” Spears, ieri - 14 luglio - la popstar statunitense rivolgendosi a un tribunale di Los Angeles ha ribadito di voler che suo padre venga rimosso dal ruolo di tutore ed è intervenuta per ”accusarlo di abuso di tutela”.

Durante l’udienza, come riportato da BBC News, la voce di "...Baby one more time” ha parlato pubblicamente della sua tutela per la seconda volta in due mesi, dopo essere intervenuta lo scorso giugno nell’udienza in formato virtuale nella Stanley Mosk Courthouse di Los Angeles. 

“Sono qui per sbarazzarmi di mio padre e accusarlo di abuso di tutela", ha detto la Spears al giudice Brenda Penny da remoto tramite video, come riportato da Variety, oltre a dichiarare di avere paura del padre e che la conservatorship gli ha permesso di rovinarle la vita. “Il loro scopo era farmi diventare pazza e non lo sono”, ha fatto sapere la cantante.

Nell’udienza di ieri la giudice Brenda Penny ha, inoltre, concesso a Britney Spears la facoltà di scegliere il proprio rappresentante legale e non appoggiarsi per forza a quello d’ufficio. Gli interessi della popstar saranno quindi ora difesi dal procuratore federale Mathew Rosengart, la cui nomina fa seguito alle dimissioni dell'avvocato d'ufficio Samuel D. Ingham III - che aveva rappresentato la Spears dal 2008.

Rosengart, presente all’udienza di ieri di persona, ha chiesto a Jamie Spears di dimettersi volontariamente dal ruolo di tutore e ha dichiarato: “La domanda è: perché Mr. Spears non si dimette volontariamente oggi? È qui per motivi finanziari? Qualcuno crede davvero che il coinvolgimento del signor Spears sia nel migliore interesse di sua figlia?”.

In risposta, un avvocato di Jamie Spears ha affermato che il padre della cantante non si sarebbe dimesso volontariamente dal ruolo e ha messo in dubbio le affermazioni di Britney.

Dopo l'udienza, la voce di “Toxic” ha pubblicato un post sul proprio profilo Instagram, dicendo di provare "gratitudine e felicità" per avere la possibilità di scegliere “un vero rappresentante”.

“Ci siamo quasi, gente. Ci siamo quasi. Da oggi avrò un vero rappresentante. Provo gratitudine e felicità”, ha scritto Britney Spears nel messaggio, accompagnato da un video che la vede andare a cavallo e fare poi la ruota.

La cantante ha aggiunto:

“Ringrazio i fan che mi sostengono. Non avete idea di che cosa significhi per me avere il sostegno di fan meravigliosi come voi. Che dio vi benedica. Questa sono io che oggi festeggio andando a cavallo e facendo la ruota! #FreeBritney”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.