L'inizio della fine dei Clash

Nel 1983 la fama della band inglese era al suo massimo, ma qualcosa al suo interno si era rotto
L'inizio della fine dei Clash

Nel 1983 i Clash erano davvero in cima al mondo. Ma il 1983 fu anche l'anno in cui ebbe inizio il declino della band inglese. L'inizio della fine ha una data precisa: 1 settembre 1983. Il giorno in cui il chitarrista Mick Jones venne allontanato dal gruppo dai suoi (fino a quel punto) compagni.

La situazione nei Clash era diventata insopportabile anche prima dell'uscita dell'album "Combat Rock" nel maggio del 1982.

La band fu costretta a licenziare il batterista Topper Headon a causa della sua dipendenza dall'eroina. Al suo posto venne reclutato Terry Chimes che aveva militato nel gruppo nel loro primo anno di vita e con loro suonò nell'omonimo primo disco del 1977. Ma anche questa sua seconda esperienza non durò molto, Chimes se ne fuggì a gambe levate a causa della maleodorante aria che si respirava all'interno della band.



Accadde che "Combat Rock" li portò in cima alle chart sia negli Stati Uniti che in Gran Bretagna. Joe Strummer e Paul Simonon volevano sfruttare questa onda favorevole, mentre Mick Jones era restio ad imbarcarsi nell'ennesimo tour e avrebbe preferito un periodo di riposo per ricaricare le batterie. Nel documentario sui Clash "Westway to the World" il frontman del gruppo scomparso nel dicembre 2002 , Joe Strummer, ricordò così quella situazione: "A quel punto era intollerabile lavorare con Mick. Non si faceva più vivo. Quando si fece vivo, era come fosse Elizabeth Taylor di cattivo umore". Tempo dopo Mick Jones si rammaricò per il suo comportamento. "Mi sono davvero fatto trasportare, vorrei avere avuto un po' più di controllo. Sai, vorrei aver saputo quello che so ora."


"Abbiamo dovuto cambiare la squadra perché l'atmosfera era terribile", disse Strummer in 'The Rise and Fall of the Clash'. "Avevamo così tanto lavoro da fare che non potevamo perdere tempo a implorare la gente di suonare quella dannata chitarra!". La relazione tra Simonon e Jones era ai minimi termini, i due non si parlavano più. Il bassista riassunse con queste parole il periodo che attraversarono i Clash: "Sentivamo di averne avuto abbastanza cacciamolo via, ed è quello che decidemmo, e al diavolo le conseguenze". Dopo la partenza di Mick Jones, la band però non fu più la stessa e l'album "Cut The Crap", pubblicato nel novembre 1985, fu davvero un grosso flop commerciale e segnò la fine del gruppo.


Qualche anno prima di morire Joe Strummer riflettè sul passato, con un filo di rimpianto: "Qualunque cosa sia un gruppo, è la miscela chimica di quelle quattro persone che fa funzionare un gruppo. Questa è una lezione che tutti dovrebbero imparare: non ci si può scherzare. Se funziona, lascia fare, fai tutto ciò che devi fare per portarla avanti, ma non scherzarci. Noi lo abbiamo imparato amaramente".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.