Courtney canta Britney e si commuove. VIDEO

L'ex frontwoman delle Hole sceglie dal repertorio della popstar un pezzo profetico. E non riesce a trattenere le lacrime.
Courtney canta Britney e si commuove. VIDEO

Courtney Love è stata una delle tante star del pop e del rock internazionale ad essersi pubblicamente esposta sul caso Britney Spears, la vicenda che sta vedendo la voce di "Toxic" battersi nelle aule dei tribunali per fare in modo che venga rimossa la tutela del padre-padrone, accusato di aver abusato di lei psicologicamente e di averla manipolata. L'ex frontwoman delle Hole ha detto che non tornerà a Los Angeles - dove vive anche Britney - fino a quando la Spears non sarà libera e ha contribuito anche all'inchiesta del New Yorker sugli abusi che la popstar ha detto di aver subito.

Ora la vedova di Kurt Cobain omaggia la collega con una cover di un brano pescato dal repertorio di quest'ultima: si tratta di "Lucky", una delle hit incluse nell'album "Oops!. I did it again", che Britney Spears pubblicò nel 2000, un anno dopo il boom dell'esordio con ".Baby one more time".

Courtney Love si è filmata mentre suonava "Lucky" chitarra e voce e ha poi pubblicato la cover sul suo account Instagram ufficiale.

Durante la performance la rocker si è anche commossa: "Sto veramente piangendo. Odio quando succede", ha detto. Il testo della canzone, d'altronde, raccontava già nel 2000 il destino al quale stava andando incontro l'allora 19enne Britney Spears, lanciata come bimba prodigio dal "Mickey Mouse Club": aveva appena 11 anni quando entrò a far parte del cast del programma, seguitissimo dagli adolescenti di tutti gli Usa. Era il 1992. Sei anni più tardi Britney avrebbe conquistato le classifiche mondiali con ".Baby one more time". Da allora la sua vita non sarebbe stata più la stessa. "È così fortunata, è una star / ma piange nella sua solitudine / pensando: se non mi manca niente / perché allora di notte scoppio a piangere?", cantava la Spears nel testo di "Lucky", interpretando una popstar alla quale il successo aveva dato e al tempo stesso tolto tutto. Ad ascoltarlo oggi, il pezzo sembra quasi profetico.

Una nuova inchiesta del New Yorker, pubblicata dopo che i giudici hanno deciso di respingere ancora una volta la richiesta della cantante di essere rimossa dalla tutela legale del padre, ha raccontato i retroscena della guerra che Britney sta facendo per essere finalmente libera: dagli insulti del padre alla telefonata disperata alla polizia alla vigilia dell'udienza.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.