Shawn Mendes: "L'ansia mi aiuta a scrivere buona musica"

Il giovane cantautore canadese parla dei benefici della terapia
Shawn Mendes: "L'ansia mi aiuta a scrivere buona musica"

Shawn Mendes dice che la terapia ostacola il suo modo di fare musica. Il 22enne cantautore canadese vede un terapista due volte alla settimana, ma ha anche ammesso che preferisce essere "un po' fottuto" per scrivere canzoni migliori.

Alla domanda postagli dalla rivista Wonderland su quanto spesso vada in terapia, Shawn ha risposto: "Due volte a settimana.

Al punto della mia vita in cui mi trovo, si tratta di comprendere che devo lasciare uscire la mia umanità. Devo solo lasciare che sia lì. Sto solo cercando di esserci per me stesso e di accettarlo. È difficile. A volte è come se non sapessi cosa voglio dire. E a volte mi accade questa cosa strana quando faccio musica che vorrei essere un po' fottuto. Perché vieni da un luogo di angoscia, stai facendo musica e sei ansioso, ma crei anche roba emozionante. È strano.".

In precedenza Mendes aveva parlato della terapia dopo aver pubblicato il brano "In My Blood" nel 2018, che tratta della sua ansia. All'epoca disse: "Terapia è ascoltare musica e correre sul tapis roulant, terapia è andare a cena con gli amici, è qualcosa che ti distrae, che ti aiuta a guarire e quindi dipende solo da cosa pensi che sia la terapia. Ho fatto uno sforzo cosciente per essere più connesso alle persone della mia vita. Ho scoperto che mi stavo isolando da tutti, pensando che mi avrebbe aiutato a combatterlo, poi ho visto che l'unico modo in cui avrei combattuto era aprirmi completamente e lasciare entrare le persone".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.