PFM, "Impressioni di settembre", Alfredino Rampi: com'è andata, spiegata bene

E una dichiarazione della produzione della serie e dell'autore della musica della canzone, Franco Mussida
PFM, "Impressioni di settembre", Alfredino Rampi: com'è andata, spiegata bene

Avrete forse letto la notizia, pubblicata poche ore fa da Rockol, in cui si dà conto della presa di posizione del management della PFM in merito all'utilizzo della canzone "Impressioni di settembre" in una scena particolarmente drammatica delle serie "Alfredino - Una storia italiana" - potete trovare qui l'articolo.

Per capire com'è andata la faccenda, bisogna spiegare come funziona il meccanismo dell'acquisto dei diritti di "sincronizzazione" - così si chiama l'utilizzo di un brano musicale per sonorizzare immagini di film, di serie televisive, di pubblicità.

Il curatore della colonna sonora sceglie le canzoni che intende utilizzare, e la produzione (cinematografica, televisiva, pubblicitaria) chiede di poter impiegare i brani selezionati ai titolari dei diritti di tali brani, corrispondendo un compenso per questo utilizzo.

Nel caso di "Impressioni di settembre" della Premiata Forneria Marconi, gli interlocutori della produzione sono stati due: l'editore musicale, che gestisce i diritti d'autore della canzone (in questo caso la Universal) e l'etichetta discografica proprietaria del master della canzone, e quindi ne detiene i diritti fonomeccanici (in questo caso la Sony).
Questo perché, nel caso di "Impressioni di settembre", non è stata usata soltanto la canzone (gestita dall'editore musicale) ma anche l'esecuzione discografica della PFM (gestita dalla casa discografica). (Nel caso si fosse voluta usare solo la canzone, eventualmente in una riesecuzione o in una cover appositamente registrati, l'interlocutore sarebbe stato unicamente l'editore musicale).

Sia la Sony sia la Universal hanno concesso il diritto di utilizzo. E qui va precisato che l'editore musicale e la casa discografica sono tenuti a chiedere il consenso agli autori e agli esecutori solo nel caso che questa richiesta di consenso sia prevista dal contratto intercorrente con gli autori e gli esecutori. Evidentemente, nel caso di cui stiamo parlando, i contratti non prevedevano questa clausola.
Quindi, nessuno ha commesso scorrettezze; peraltro, il comunicato della PFM precisa che "PFM è stata avvertita" della scelta, pur "senza poter intervenire".

Aggiungo che è improbabile che editore musicale e casa discografica abbiano chiesto che venisse specificato in quale sequenza sarebbe stata usata "Impressioni di settembre", o abbiano chiesto di poter visionare preventivamente la sequenza.

Nel merito della questione, Rockol ha raccolto una dichiarazione di Franco Mussida, che è l'autore della musica di "Impressioni di settembre" (il testo è di Mauro Pagani e Mogol).

Franco Mussida:

I proprietari del master non siamo noi, ma Sony, che è autorizzata a sfruttare commercialmente l’opera.

Non amo le polemiche, ma il discorso è più ampio: lo spirito di un brano vive di un’immagine originaria. Ogni canzone per me ha sempre due titoli: il titolo che le dà la parte testuale, e quello che le dà quella musicale. Il secondo, però, non viene depositato, perché nella forma canzone la musica diventa servitrice di un altro tipo di immagine. ‘Impressioni di settembre’ è proprio l’eccezione che fa la regola, perché grazie alla frase strumentale vive di un’immagine che non ha bisogno di parole. I pensieri che stanno all’origine della composizione - soprattutto nella frase strumentale che ho scritto - sono un’aria di libertà, un’immagine epica di viaggio e speranza, collegata all’entrare nel mondo con gioia e sorpresa: questi aspetti sono stridenti con lo spirito della serie. Sarebbe stato non solo gradito, ma credo anche giusto consultare chi ha scritto la musica. Sennò ognuno prende dalla musica quello che vuole e lo fa diventare quello che vuole. Siccome è prassi normale utilizzare la musica in termini propedeutici a uno stato d’animo, non si può parlare di manipolazione della persona che ascolta, ma in ogni caso chi ascolta una certa musica messo in un determinato contesto può essere portato a modificarne l’origine. La storia di Alfredino l’ho vissuta personalmente: è estremamente angosciosa….
Io non faccio più parte della PFM, a me non è stato detto proprio nulla: l’ho saputo solo dopo da Iaia De Capitani, che tiene la titolarità del nome. Tutto quello che è stato fatto in quel periodo è stato fatto con uno spirito che prescinde dal fatto di chi gestisce o non gestisce il nome: ecco perché anch’io mi sono sentito in dovere di rimarcare questa posizione, con tutto l’affetto che io devo ai miei amici, con i quali su questo aspetto ci troviamo d’accordo, a prescindere dal fatto di chi abbia scritto la canzone. Non è importante chi ha scritto il brano, ma come abbiamo vissuto quel periodo tutti insieme.

Da parte sua, la produzione della serie ha distribuito questa nota:

In merito alle dichiarazioni rilasciate della Premiata Forneria Marconi sull’utilizzo di “Impressioni di settembre" nella serie "Alfredino - Una storia italiana" la società di produzione Lotus che ha realizzato la miniserie chiarisce che i diritti per l’utilizzo del brano sono stati regolarmente concessi dalla casa discografica e in nessun caso sarebbero state utilizzate delle musiche senza averne l’autorizzazione.
"Alfredino - Una storia italiana" è un progetto realizzato in accordo con il Centro Alfredo Rampi per la Protezione Civile, che per conto della Famiglia Rampi ha visionato e autorizzato gli episodi.
Lo scopo di questa produzione, come concordato con il Centro Alfredo Rampi, è quello di far conoscere ciò che è successo dopo quei tragici eventi e come, grazie all’impegno e alla determinazione dei genitori di Alfredino e al sodalizio nato proprio a Vermicino tra Franca Rampi e il Presidente della Repubblica Sandro Pertini, si sia gettato il seme per la nascita della Protezione Civile, istituzione su cui tutti gli italiani oggi possono contare.

 .
Per quarant’anni il Centro Rampi ha lavorato per la prevenzione di incidenti e per la gestione di piccole e grandi emergenze. L’aver accettato di autorizzare e supportare questa produzione è in linea con il loro impegno profuso in tutti questi anni. Ed è proprio abbracciando il loro obiettivo che abbiamo, mano nella mano con la fondazione Rampi, realizzato questo progetto nel massimo rispetto delle volontà della famiglia.

Rockol cercherà nella giornata di domani di sentire anche Universal, Sony e, se sarà possibile, il curatore della colonna sonora di "Alfredino - Una storia italiana".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.