La Fondazione Bideri ricorda E.A. Mario

Pubblicando "Come se canta a Napule" in chiave di tango, con le voci di Carlos Gardel e Filly Lupo
La Fondazione Bideri ricorda E.A. Mario

Celebrare i 60 anni della scomparsa di E.A. Mario ricordando l’incontro tra la canzone napoletana e il tango: si intitola "Comme se canta a Napule" il cd realizzato dalla Fondazione Bideri per ricordare una delle figure più significative della musica partenopea.

Pubblicato dalla Gennarelli Bideri, "Comme se canta a Napule" contiene due versioni dell’omonima canzone che nel 1911 vide E.A. Mario firmare per la prima volta versi e musica di un brano in lingua napoletana.

La prima versione presente nel cd si intitola "Como se canta en Napoles 2021" ed è un riarrangiamento della interpretazione che ne diede Carlos Gardel nel 1931. Estrapolata dal 78 giri su cui apparve, è proprio la voce di Carlos Gardel a ricantare l’intero testo, ad eccezione del ritornello, per l’occasione inciso ex novo e proposto con una variazione in spagnolo.

La seconda, invece, è una versione tutta napoletana, che attualizza lo spartito originale di "Comme se canta a Napoli" conferendogli una raffinata ambientazione in chiave tango vals.

Protagonista di entrambe le versioni è la cantante e tanguera Filly Lupo, milanese di origini campane, che presta la sua voce ad entrambe le registrazioni, duettando virtualmente con Carlos Gardel nella prima e cantando in solo nella seconda. Suoi anche i versi della rielaborazione spagnola del ritornello che caratterizza "Como se canta en Napoles 2021".


Ad affiancare Filly Lupo c’è il Colectivo 10, ensemble capitanato da Ernesto Nobili nelle vesti di produttore artistico ma anche compositore ed interprete di tutte le parti chitarristiche dei brani. Fanno compagnia al musicista napoletano il violoncellista Marco di Palo e il bandoneonista argentino Basilio Fernandez. A proposito di Argentina, va segnalata una peculiarità del progetto "Comme se canta a Napule": tutte le parti di bandoneon sono state registrate nello studio La Geisha di Buenos Aires, sotto la supervisione del musicista e produttore Facundo Monti, nell’ambito del progetto Produzione a Distanza, promosso dalla Fondazione Bideri.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.