Led Zeppelin IV: il significato dei quattro simboli in copertina

Sono parte della mistica della band che negli anni Settanta - dopo sgradite critiche ricevute per “III” – parlò raramente e incoraggiò molto l’aura di mistero intorno a sè.
Led Zeppelin IV: il significato dei quattro simboli in copertina

Nell’anno di grazia del rock 1971, Ahmet Ertegun – un impareggiabile fuoriclasse della discografia a capo della Atlantic Records – sudava freddo. Una delle band più iconiche della sua scuderia si apprestava a pubblicare il suo quarto album in un paio d’anni e la svolta artistica intrapresa suonava tanto distante da roba come “Whole lotta love” che l’album puzzava vagamente di suicidio artistico.

Ma anche i fuoriclasse, talvolta, sudano a sproposito. Quell’album senza titolo, del quale ricorre il cinquantesimo anniversario, vendette poi nel tempo circa 30 milioni di copie. Non aveva titolo e come di consueto si identificava solo con il numero progressivo di uscita. E’ comunemente noto, infatti, come Led Zeppelin IV. O semplicemente IV. Ma anche “Runes”, “Four Symbols” e “ZoSo”.

Per riconoscere l’album occorre ricorrere agli unici segni di identificazione della sua copertina. Il problema è che sono criptici: sono quattro simboli, ciascuno dei quali richiama un membro del gruppo. Eccoli.

I fans, all’epoca dell’uscita, individuarono in primis una piuma dentro un cerchio. Allora non lo sapevano, ma stavano guardando il simbolo scelto per sè da Robert Plant che in “Led Zeppelin in Their Own Words” ne avrebbe spiegato il significato anni dopo:

“Il mio simbolo fu tratto dai simboli sacri dell’antica civiltà Mu, che risale a 15.000 anni fa ed apparteneva a un continente perduto”.

L’altro simbolo graficamente di immediata riconoscibilità consisteva in tre ovali intrecciati all’interno di un circolo. Nella stessa intervista – ma era Jimmy Page a rivelare, qui – fu chiarito che quello era il simbolo scelto dal bassista John Paul Jones, che tendeva a rappresentare “una persona sia sicura di sé che competente” (sic).

Il simbolo del funambolico John Bonham – tre anelli intersecati tra loro – rappresentavano una trilogia, sempre secondo Plant (“uomo, donna e bambino”) ma stranamente, venne poi notato, coincidevano anche con il logo della birra Ballantine...

E poi c’è il celeberrimo “ZoSo”, il simbolo di Jimmy Page, del quale il chitarrista fornì una qualche spiegazione in “The Making of Led Zeppelin’s IV” e in “Led Zeppelin All the Songs”:

“Il mio simbolo era qualcosa che ho disegnato da me. Molti lo intesero per errore come la parola ZoSo, il che è un peccato perché non intendeva essere affatto una parola ma qualcosa di totalmente diverso”. Cioè – probabilmente - il sigillo di Saturno, il pianeta del segno zodiacale del Capricorno, quello di Page. Il quale, sia detto a onor del vero, un giorno prese Plant da parte e gli disse: “Ora ti svelo il vero significato del mio simbolo, ma poi non te lo ripeterò mai più”. E lo fece.

(Plant ha dimenticato tutto).

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.