Angus Young (AC/DC) e la prima volta che ha ascoltato ‘Purple Haze’ di Jimi Hendrix

“Quando avevo 13 o 14 anni, Jimi Hendrix è apparso all’orizzonte”, narra il chitarrista della formazione australiana
Angus Young (AC/DC) e la prima volta che ha ascoltato ‘Purple Haze’ di Jimi Hendrix

A margine di una recente intervista rilasciata al. magazine tedesco “Guitar”, Angus Young degli AC/DC ha ripensato a quando ha iniziato ad approcciarsi più seriamente allo studio della chitarra e ha riflettuto sulle prime influenze musicali.

“Sapevo suonare un po’ la chitarra, ma mi sono concentrato più seriamente su di essa quando avevo circa 12 anni e fino all’adolescenza. Quando avevo 13 o 14 anni, Jimi Hendrix è apparso all’orizzonte. E quando ho sentito per la prima volta la canzone ‘Purple Haze’, sono rimasto completamente affascinato”, ha raccontato il chitarrista della formazione australiana, come riportato da Blabbermouth.

Ripensando alla prima volta che ha ascoltato ‘Purple Haze’ di Jimi Hendrix e agli artisti a cui ha guardato con ammirazione da ragazzo, Angus Young ha anche ricordato suo fratello Malcom - già chitarrista della band di “Back in black”, scomparso il 18 novembre 2017 - e ha narrato:

“‘Come riesce a farlo?’, pensavo. Ero rimasto colpito. Inoltre, con mio fratello Malcolm ho visto alcuni show. Noi due insieme siamo stati a vedere dal vivo artisti come gli Yardbirds, erano venuti in Italia a suonare. E all’epoca, la formazione era appena cambiata. Penso che precedentemente ne facesse parte Jeff Beck. Ma quando li abbiamo visti non c’era più Jeff Beck, però c’era Jimmy Page come chitarrista. Ed è stato un bene, perché a quel tempo, quel tipo di suono, soprattutto della chitarra, ti travolge. Poi, quando è arrivato Handrix, si era tipo: ‘Wow! Questo è un modo di suonare la chitarra di un altro livello”.

Ha aggiunto, ridendo: “Non ero bravo a riconoscere le note. Le persone sapevano indovinare le note ascoltando una canzone. Io ero solito chiedere a Malcolm: ‘Prendi le note e poi fammi vedere’. Lui lo faceva”. Il chitarrista degli AC/DC ha successivamente spiegato: “Indovinava tutte le note che mi interessava sapere. E poi mi faceva vedere e suonavamo insieme”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.