Noel Gallagher ripensa alla fine degli Oasis: “Sapevo che era in arrivo una tempesta di merda”

L’ex Oasis affronta lo scioglimento della band di “Wonderwall” in un nuovo documentario
Noel Gallagher ripensa alla fine degli Oasis: “Sapevo che era in arrivo una tempesta di merda”

Era il 28 agosto del 2009 quando una lite tra i fratelli Liam e Noel Gallagher nel backstage del Rock en Seine di Parigi mise la parola "fine" alla storia degli Oasis. A margine del nuovo documentario di Sky Arte intitolato “Noel Gallagher: Out Of The Now”, come riportato dal New Musical Express, l’ex principale compositore della band di "Wonderwall" ha ricordato la bufera che si è scatenata dopo la discussione con il fratello e il conseguente scioglimento di uno dei più grandi gruppi della storia del brit pop. 

“I tour degli Oasis riguardavano sempre degli scontri”, ha spiegato Noel Gallagher: “L'incidente di Parigi è stato solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso”. 

Ricordando di essersi seduto sul sedile posteriore di un auto fuori dal festival francese dopo aver preso la decisione di lasciare la formazione di “Champagne Supernova”, il 54enne artista inglese ha narrato: “E l'autista se ne andò e basta. Non ho provato un senso di sollievo perché sapevo che stava arrivando una tempesta di merda. E si sarebbero dette un sacco di sciocchezze a riguardo”. 

Noel ha aggiunto: “Una delle più grandi band di sempre implose, alla fine. E non potevo tornare in Inghilterra perché la stampa si era appostata fuori da casa mia, e mia moglie era lì con i miei figli”. E ancora: “Abbiamo dovuto farla uscire nel bel mezzo della notte e tutti insieme mi hanno raggiunto in Francia da qualche parte. E quando alla fine siamo tornati in Inghilterra, ovviamente si è scatenato l’inferno”. 

Nonostante la lite con Liam, il maggiore dei fratelli Gallagher ha ammesso che la separazione dal gruppo non è stata "una decisione [che] ha preso alla leggera”, poiché aveva scritto "ogni canzone significativa" degli Oasis.

“Era la mia vita [la band], l’ho diretta e creativamente era la mia cosa”, ha poi raccontato Noel, il quale ha successivamente dichiarato: “Nel 2009 gli Oasis non sono stati stati lodati come uno dei grandi gruppi di tutti i tempi. C’era una specie di connotazione del tipo: ‘Beh, dovrebbero davvero finirla qui’. È quello che ho percepito comunque”. Ha continuato: “E mi sembrava che la gente aveva smesso di ascoltare i dischi e che veniva a vederci  suonare le hit, ed era una posizione in cui non avrei mai voluto finisse la band. Ma ora, ovviamente, ci vedono lassù con tutti i grandi”.

Il prossimo 11 giugno 2020 Noel Gallagher darà alle stampe un greatest hits per celebrare i dieci di attività con i suoi High Flying Birds, intitolato “Back the way we came: vol 1 (2011-2021)”. Il disco includerà anche due nuovi brani, "Flying on the ground” e “We're on our way now”, già resi disponibili all’ascolto. La prima delle due nuove canzoni è stata condivisa lo scorso 7 giugno, poco più di un mese dopo l’altra traccia accompagnata da un video ispirato alla Nouvelle Vague francese e pubblicato a maggio.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.