Vasco Rossi: "Ascolto heavy metal quando voglio rilassarmi"

"Ho dato credibilità al rock in italiano, e di questo vado orgoglioso", dice il 69enne rocker di Zocca, che si racconta in questa lunga intervista.
Vasco Rossi: "Ascolto heavy metal quando voglio rilassarmi"

Vasco Rossi non si concede spessissimo, eppure negli ultimi giorni ha concesso due interviste a due diverse testate. In una, quella a La Repubblica, si congratulava con i Maneskin per la vittoria all'Eurovision Song Contest 2021, ammettendo di aver rivisto in Damiano David, Victoria De Angelis, Thomas Raggi e Ethan Torchio "quel senso di ribellione, la voglia di andare contro la società omologata" che provava lui ("finalmente in Europa non è andato in onda il solito stereotipo dell'italiano con la fisarmonica, il mandolino o il carretto tirato dal somaro"). In un'altra, pubblicata sulle pagine di TV Sorrisi e Canzoni, il 69enne rocker di Zocca torna a raccontarsi, parlando della sua storia e del suo presente. Partendo dai quarant'anni di "Siamo solo noi":

"Ho dato credibilità al rock 'in italiano', e di questo vado orgoglioso. La mia svolta rock è iniziata con 'Colpa d'Alfredo', il mio terzo album. Lì è evidente la mia mutazione da cantautore rock a rockstar. Con l'album successivo, 'Siamo solo noi', il cambiamento è definitivo. Nelle canzoni ci metto rabbia e ironia, la musica diventa la colonna sonora perfetta per le parole, che uso come la mia arma segreta. Poche, ma quelle giuste e significative, evocative".

Rossi ha parlato poi del suo rapporto con il pubblico:

"La mia gente. Il mio popolo, il popolo del rock, l'entusiasmo, la condivisione, la rabbia e la commozione di centinaia di migliaia di individui che contemporaneamente si riconoscono e si sfogano come un effetto catartico. È il potere 'terapeutico' di un concerto, torni a casa con gli occhi che brillano di felicità e ti senti appagato e libero. Ahimè, la pandemia ci ha distrutti tutti, per il secondo anno siamo stati costretti a riprogrammare le date dei miei concerti, dal 2020 al 2021 e adesso al 2022. È chiaro che è stata, ed è, dura: mi manca l'adrenalina da palco, quell'adrenalina da concerto che mi mantiene vivo, che mi dà una motivazione di esistere. Dobbiamo tenere duro per arrivare vivi, sani e lucidi al 2022".

"Quando vuoi rilassarti cosa ascolti?". E Vasco risponde:

"Rock, heavy metal. Ma ascolto anche la radio e ultimamente ho notato un sacco di belle canzoni di Sanremo. Sono le migliori in circolazione, Amadeus ha fatto un buon lavoro".

Quella pubblicata questa settimana dalla rivista è solo una parte di un'intervista più ampia e retrospettiva sulla carriera del rocker che sarà contenuta in uno speciale di 52 pagine tutto dedicato a lui realizzato da TV Sorrisi e Canzoni, in edicola la prossima settimana.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.