Cosa contestava Kurt Cobain ai Pearl Jam

Le dichiarazioni sono tratte da un'intervista del 1992: Eddie Vedder e soci avevano appena pubblicato il loro album d'esordio, e il frontman dei Nirvana non fu tenero nei confronti dei colleghi.
Cosa contestava Kurt Cobain ai Pearl Jam

Sulla storia della presunta rivalità tra i Nirvana e i Pearl Jam, tra le band simbolo del rock Anni '90, tanto è stato scritto e tanto continuerà ad essere scritto. "Cercai più volte di parlare con Kurt. Lui abbassava la testa e se ne andava. Sono sicuro che una buona parte di quella storia nacque dalle continue domande che facevano loro su di noi. A noi chiedevano in continuazione di loro, e la cosa era scocciante", ebbe a dire Jeff Ament, bassista della band capitanata da Eddie Vedder, a proposito della faida. Ma come nacque tutto? Leggete cosa diceva la voce di "Smells like teen spirit" nel 1992 in un'intervista concessa al magazine Flipside Kurt Cobain sui Pearl Jam, che avevano esordito l'anno precedente con "Ten" (mentre i Nirvana avevano all'attivo già due album, "Bleach" e "Nevermind"):

"I Pearl Jam? Non si possono davvero definire 'macho', non è il genere di cose che mi piace".

Le dichiarazioni non lasciarono indifferenti Eddie Vedder e soci. Ma un anno dopo il frontman dei Nirvana chiarì il suo punto di vista in un'intervista concessa stavolta a Rolling Stone, dando la colpa di quelle dichiarazioni al giornalista, accusato di aver interpretato male le sue osservazioni:

"Ne ho parlato male solo perché non mi piace la loro band. Non avevo ancora incontrato Eddie. È stata colpa mia. Avrei dovuto insultare la casa discografica, non loro. Sono delle vittime. Forse contro la loro volontà. Sono stati messi sul carro del grunge".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.