L'unica numero uno dei Genesis

Nonostante il successo la band britannica ha raggiunto il primo posto in classifica una sola volta. Nel 1986.
L'unica numero uno dei Genesis

A proposito della sua band in una intervista rilasciata per la ristampa dell'album "Invisible Touch" pubblicato nel 1986, il tastierista dei Genesis Tony Banks disse: "Non sembravamo essere così bravi a scrivere successi.

Poi penso che, in qualche modo, abbiamo mostrato la via a gruppi come King Crimson, Family e Fairport Convention, un altro modo di avvicinarsi alla musica. È così che siamo entrati nella roba progressive. Abbiamo scoperto di essere capaci di fare cose in questa area che nessun altro stava facendo, mentre nell'area pop non eravamo così originali. Quando siamo arrivati a "Invisible Touch", sentivamo di essere andati il più lontano possibile in certe direzioni della musica progressive con lunghi assoli e tutto il resto. L'idea di provare a creare canzoni era piuttosto allettante".

Una certa sensibilità pop i Genesis l'hanno sempre avuta, anche negli anni in cui erano degli alfieri del prog. Certo, non come negli anni Ottanta, con sintetizzatori e drum machine, sotto la guida di Phil Collins. L'apoteosi venne raggiunta esattamente trentacinque anni fa, quando "Invisible Touch" fu la loro prima e unica numero uno nella classifica di vendita dei singoli negli Stati Uniti. Nella natia Gran Bretagna i Genesis non riuscirono mai ad avere una canzone in prima posizione.



La canzone prese vita durante una jam session. Partendo da un pattern di drum machine di Phil Collins, al quale Mike Rutherford aggiunse un riff di chitarra mentre stava lavorando alla seconda parte di "Domino", un altro brano dell'album "Invisible Touch", infine Tony Banks mise mano al sintetizzatore. Il tutto venne ispirato da una canzone del tempo di Sheila E. (ma scritta da Prince), "Penso fosse "Glamorous Life"", disse Collins a Rolling Stone, "volevo scriverne una mia versione.


"Invisible Touch" può sembrare una canzone d'amore melensa. Ma per Phil Collins il suo significato è più complesso. Nella sua autobiografia del 2016 'Not Dead Yet' ha scritto che ha cambiato quella frase durante le esibizioni dal vivo. "Questo è un qualcuno pericoloso e destabilizzante. Qualcuno che verrà e ti manderà a puttane la vita, che è la battuta che finirò per cantare sul palco, con grande entusiasmo del pubblico e imbarazzo dei miei figli."

Collins ha spesso indicato "Invisible Touch" come il suo brano preferito dei Genesis. Tanto da non essere praticamente mai uscito dalle scalette dei concerti della band britannica. Qualcuno all'epoca avanzò l'ipotesi che i Genesis avessero beneficiato del successo come solista che aveva Phil Collins, ma Tony Banks rigetta sdegnosamente questa ipotesi: "Ovviamente Phil era un solista affermato e questo, suppongo, ci abbia aperto alcune porte in termini di passaggi in radio. Ma "Invisible Touch" e "Land of Confusion" penso sarebbero state canzoni di successo di chiunque." Tony Banks parlando della canzone disse: "Per noi è una canzone rock abbastanza semplice. Penso che funzioni molto bene perché è concisa. Non penso mai che mi piacerà, ma poi quando la ascolto, mi piace. Intellettualmente, non ne sono molto sicuro, ma funziona".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.