Fedez risponde alla querela RAI: ‘Vigliaccheria di Stato’. E annuncia una contro-querela

Il rapper non fa marcia indietro, ma rilancia: ‘Non ho ancora pubblicato tutto quello che ho in mano. E denuncerò il direttore di Rai 3 per diffamazione'
Fedez risponde alla querela RAI: ‘Vigliaccheria di Stato’. E annuncia una contro-querela

Non “un atto dovuto e doveroso”, come è stata definita dal capogruppo in Vigilanza RAI Massimiliano Capitanio, ma una vera e propria “vigliacchieria di Stato”: con una storia di Instagram Fedez ha risposto - molto polemicamente - al provvedimento legale preso dal servizio pubblico nei suoi confronti dopo l'ormai nota polemica seguita alla partecipazione del rapper milanese allo scorso Concerto di Primo Maggio di Roma.

"Aggiornamento sul mio album querele: sono appena stato querelato dalla Rai", ha esordito il cantante, che - come riferisce l’agenzia ADNKronos - ha proseguito: “Come ho sempre detto mi assumo la responsabilità di quello che ho detto e fatto, quindi affronto le conseguenze. Però bisognerebbe ricordare come si è comportata la tv di Stato in questa faccenda. Sapete dov'è la differenza tra me e voi? E' che io la telefonata l'ho pubblicata mettendoci la faccia e pagando le conseguenze, voi che mi avete registrato a vostra volta, dirigenti della tv di Stato, l'avete data ai giornalisti che devono coprire le loro fonti. Ovviamente questo non è un illecito giuridico, però vi siete parati il culo e questa è vigliaccheria di Stato. Però va bene così”.

“Nonostante abbiate fatto il grandissimo sforzo per scatenare la stampa a vostro favore, andatevi a leggere i commenti su Youtube di quello che pensa la gente, che la telefonata integrale è pure peggio di quella tagliata”, ha proseguito Fedez: “E non ho pubblicato tutto quello che ho ancora in mano, quindi speriamo che almeno in commissione di Vigilanza Rai mi facciano parlare e dire la mia, visto che c'è bisogno del contraddittorio. Sapevo come sarebbe finita e sono felice di questo perché ci sono tante cose che devono emergere. Ad esempio, come ha fatto la Lega a diramare un comunicato 6 ore prima che io salissi sul palco dicendo: se Fedez sale sul palco a leggere il suo testo la Rai non deve pagare il concertone?”.

“Comunque, orgogliosissimo a maggior ragione di quello che ho fatto”, conclude Fedez: “Lo rifarei altre mille volte. Non si tratta di farlo per vendere qualche smaltino in più, perché io la mia famiglia la mantengo anche senza smaltini. La cosa che mi mette una tristezza infinita è che a comunicare la querela della Rai sia stato un leghista della commissione Vigilanza Rai che ha detto che sul palco ho detto delle cose gravissime. Amico fritz della Lega, le cose che ho detto sono parole di gente del tuo partito che è ancora lì dentro a fare carriera. Ma dove cazzo vivete?”.

Il rapper ha poi annunciato di voler adire le vie legali nei confronti del direttore di Rai 3 Franco Di Mare: "Siccome Di Mare ha detto in commissione vigilanza della Rai che avrei organizzato un complotto contro di lui, io lo denuncerò per diffamazione".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.