Slash, in rete la collaborazione inedita con Chester Bennington: ascolta

Ecco un assaggio di “Crazy”, la collaborazione tra il chitarrista dei Guns N' Roses e il compianto frontman dei Linkin Park che presto sarà pubblicata integralmente
Slash, in rete la collaborazione inedita con Chester Bennington: ascolta

È stato reso disponibile all'ascolto gratuito in rete un estratto di un minuto dell’inedita collaborazione tra il chitarrista dei Guns N' Roses Slash e il compianto frontman dei Linkin Park Chester Bennington.

La traccia con il provino vocale registrato dalla voce di "In the End", intitolata “Crazy”, era inizialmente destinata all’eponimo album di debutto solista dell’addetto alle sei corde della band di “Appetite for destruction”. Questo, però, nel suo disco “Slash” del 2010 decise di includere la versione del brano registrata con lo scomparso leader dei Motörhead Lemmy Kilmister, intitolata "Doctor Alibi”.

60 secondi della canzone realizzata da Slash con Bennington sono ora disponibili all’ascolto, come nel video riportato più sopra. L'estratto del brano è stato fatto ascoltare dal produttore musicale Big Chris Flores, coinvolto nella realizzazione del primo album solista del chitarrista dei Guns N' Roses, durante la sua partecipazione - testimoniata nel video proposto più avanti - a un programma radiofonico statunitense trasmesso su WHYS-LP lo scorso 16 maggio. Secondo quanto riferito dal produttore e ripreso da Blabbermouth, intorno al 2019 Big Chris Flores ha rimesso mano al brano, che verrà pubblicato “in un futuro non troppo lontano” a beneficio di 320 Changes Direction, iniziativa lanciata dalla vedova dello scomparso frontman dei Linkin Park Talinda Bennington e volta alla sensibilizzazione sulla salute mentale.

La canzone è stata anche presentata da Big Chris Flores nel corso dell’episodio numero 267 del podcast “Appetite for Distortion”.

Slash aveva parlato della sua collaborazione con Chester Bennington a margine di un’intervista rilasciata a Variety nel 2018. Il chitarrista aveva raccontato: “"Quando stavo lavorando al mio primo album ho collaborato con molte persone, ma alcune delle colloborazioni - per qualche ragione - non sono finite nel disco. Una era con Chester. Abbiamo fatto una canzone, ma i Linkin Park all'epoca non ci hanno permesso di pubblicarla, così l'ho fatta con Lemmy. Il ragazzo che ci aveva prodotto i demo me l'ha mandato, e io l'ho spedito alla famiglia di Chester. Ma non è stato facile, perché la canzone parla davvero al suo stato mentale”. Slash aveva poi fatto sapere: "La famiglia adesso ha la registrazione, e io la supporterò in tutto e per tutto”. A proposito di un'eventuale futura pubblicazione aveva poi spiegato: "È davvero buona. Lui è stato eccezionale. Nel caso loro dovessero decidere di pubblicarlo, io sarei assolutamente d'accordo. Musicalmente la canzone è in tutto per tutto la stessa che ha cantato Lemmy, ma il testo è davvero commovente".

Ecco, invece, “Doctor Alibi”:

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.