Kim Kardashian ha speso 25 mila dollari per gli abiti indossati da Janet Jackson

L'imprenditrice e modella, il cui patrimonio ad aprile ha ufficialmente superato il miliardo di dollari, si è aggiudicata l'iconico top e i pantaloni indossati dalla cantante nel 1993 nel video della sua hit.
Kim Kardashian ha speso 25 mila dollari per gli abiti indossati da Janet Jackson

È un'acquirente speciale quella che ieri si è aggiudicata ad un'asta gli abiti indossati da Janet Jackson nel 1993 nel video di "If", un top nero e un paio di pantaloni: si tratta di Kim Kardashian, l'imprenditrice, attrice e modella americana salita agli onori della cronaca dopo un sex tape girato con il suo ex fidanzato Ray J e poi diventata moglie del rapper Kanye West (hanno divorziato lo scorso febbraio dopo sei anni e mezzo di matrimonio).

La Kardashian - il cui patrimonio lo scorso aprile ha ufficialmente superato il miliardo di dollari - si è aggiudicata gli articoli per la bellezza di 25 mila dollari, circa 20,5 mila euro: praticamente un quarantamillesimo del suo patrimonio. È stata la stessa imprenditrice a svelare sui social di essere stata lei ad aggiudicarsi gli abiti della cantante: "Per il compleanno di Janet Jackson, da fan sono riuscita a vincere questo outfit ad un'asta: non ci credo ancora", ha detto in una storia pubblicata su Instagram, condividendo anche un'immagine del video di "If". La risposta di Janet Jackson non si è fatta attendere: "Grazie mille Kim! Spero che ti diano tanto piacere quanto ne hanno dato a me".

L'outfit è stato messo in vendita dalla cantante ad un'asta organizzata insieme alla casa Julien's Auctions nel giorno del suo 55esimo compleanno, ieri, insieme ad altri 1000 articoli legati alla sua carriera. Il ricavato dalla vendita sarà devoluto a Compassion International, un'organizzazione che aiuta i bambini in situazioni di povertà. "If", secondo singolo estratto dal quinto album di Janet Jackson, intitolato semplicemente "janet." (lo stesso di "That's the way love goes", "Again", "Because of love", "Any time, any place", "You want this", "Whoops now" e "What'll I do"), balzò nel '93 ai piani alti delle classifiche di vendita: solo negli Stati Uniti ammontano a oltre 980 mila le vendite del singolo.

Il video fu girato dal regista Dominic Sena, che aveva lavorato con Janet Jackson già nel 1987 per i video di "Let's wait awhile" e "The pleasure principle", nell''89 per quelli di "Miss you much" e "Rhythm nation" e nel '90 per quello di "Come back to me", oltre a dirigere clip per Bryan Adams, Tina Turner e Michael Bolton. La coreografia, dallo stile provocatorio (la canzone parlava di fantasie sessuali voyeuristiche), fu curata da Tina Landon. Agli MTV Video Music Awards il video si aggiudicò il premio per il "Miglior video femminile".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.