Le ragioni del successo dei Kiss secondo lo storico manager

Secondo Doc McGhee, inoltre, Ace Frehley potrebbe ‘farsi vivo’ prima della fine del tour di addio della formazione di “Dynasty” 
Le ragioni del successo dei Kiss secondo lo storico manager

A margine di una recente intervista per la Rob’s School of Music, lo storico manager dei Kiss Doc McGhee ha spiegato quali sono, secondo lui, i motivi dietro al successo della formazione di “Dynasty” e ha parlato della possibilità che Ace Frehley e Peter Criss possano riunirsi a Gene Simmons e soci a un certo punto della tournée d’addio della band.

Come riportato da Blabbermouth, durante la chiacchierata McGhee ha narrato: “Tutto è possibile. Non diciamo mai niente. Sappiamo solo che vogliamo dare alla gente il miglior spettacolo del mondo da vedere. E la mia filosofia per tutte le mie band è sempre stata che se sei il migliore in quello che fai, le persone verranno a vederti”. Ha continuato: E se non sei tu il migliore, la gente andrà a vedere qualcun altro che lo è. Quindi, cosa facciamo noi con i Kiss? Facciano uno spettacolo che qualcuno, sia che gli piacciano i Kiss o che sia un loro fan o che conosca una sola canzone, vuole andare a vedere, perché è uno show fantastico e divertente”. 

Dopo aver paragonato la band statunitense alla catena americana di ristoranti “Cracker Barrel” per sottolineare quanto la musica dei Kiss venga ascoltata da persone di generazioni diverse dicendo che “Ci sono quattro generazioni che vengono a mangiare a casa nostra ogni giorno”, Doc McGhee ha spiegato quanto lui e il gruppo apprezzino il calore dei fan. “Siamo molto bravi con i nostri fan. Cerchiamo di esserlo. Penso che proponiamo a loro i miglior meet and greet di qualsiasi altra band”, ha detto lo storico manager. Parlando poi delle ragioni dietro al successo di Paul Stanley e compagni, McGhee ha spiegato:

“Gene Simmons, Paul Stanley, Tommy Thayer ed Eric Singer sono determinati a essere i migliori in quello che fanno. Non cerchiamo di scrivere canzoni ed essere come i Pearl Jam o i Rage Against the Machine, cerchiamo di essere qualcos’altro: facciamo quattro accordi e scriviamo testi pessimi, e funziona in modo favoloso per i Kiss. E l'aura intorno alla banda è mostruosa; è contagiosa. Mi entusiasma ogni giorno”.

A proposito della possibilità o meno di vedere riunirsi ai Kiss entro la fine dell’“End of the road world tour” Ace Frehley e Peter Criss, rispettivamente chitarrista e batterista della prima, storica, formazione della band hair metal, Doc McGhee ha dichiarato: “Ace Frehley si farà mai vivo? Certo che si farà vivo. Si spera che anche Peter Criss si faccia vedere. Sono tutti invitati alla festa dei Kiss”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.