Che fine hanno fatto gli ex vincitori di "Amici"?

Vivi, morti o x? Da quando il talent di Maria De Filippi ha cominciato ad avere una rilevanza non solo a livello televisivo ma anche sul piano discografico in tanti si sono alternati in cima alle classifiche. Ma in pochi, pochissimi sono rimasti.
Che fine hanno fatto gli ex vincitori di "Amici"?

"Non è bello aprire un social e sapere che per alcuni di voi il picco della mia carriera è stato ciò che per me rappresenta l'inizio, magari solo perché ero in tv. E se posso dirlo, io sono stato pure fortunato a non crollare del tutto emotivamente, anzi, ho pensato solo ad andare avanti. Qualcun altro potrebbe restarci molto peggio e magari farsene una ragione": lo ha scritto su Twitter Mameli dopo la semifinale di "Amici", andata in onda lo scorso sabato, segnata da non poche polemiche per le eliminazioni, contestate dal pubblico, del cantante Tancredi Cantù Rajnoldi e della ballerina Serena Marchese, entrambi esclusi dalla finale.

Mameli - cantautore, classe 1996, due album all'attivo, "Inno" e "Amarcord" - "Amici" non lo vinse: partecipò alla 18esima edizione del talent show condotto da Maria De Filippi, arrivò al serale e fu eliminato prima della finale. Ma nel post che ha pubblicato su Twitter c'è verità. .Cosa succede quando le luci dello studio di "Amici" si spengono, alla fine della stagione? C'è vita - e per vita intendiamo vita discografica - fuori dalla scuola di via Tiburtina diretta da Maria De Filippi? Cosa rimane degli applausi e dei cori delle ragazzine per l'idolo di turno?

Belle speranze

La finale del talent, ormai un'istituzione della tv italiana, andrà in onda questo sabato, 15 maggio, in diretta. Cinque sono i concorrenti che si contenderanno la vittoria. I bookmakers danno come favoritissimo il cantautore Sangiovanni, 18 anni compiuti nella casetta di "Amici", supportato da Madame, con la quale condivide l'etichetta discografica, Sugar: 28 milioni di stream su Spotify per la sua "Lady". Alle sue spalle, la ballerina Giulia Stabile, che ha conquistato i telespettatori - tra le altre cose - con un'esibizione che l'ha vista condividere il palco con la figlia della sua maestra, Veronica Peparini. E poi Aka7even, cantautore che con "Mi manchi" ha conquistato 18 milioni di ascolti su Spotify, firmando un contratto con Sony.

Più distaccati il cantante .Deddy (ha firmato per Warner) e il ballerino Alessandro Cavallo. L'ultima a sollevare la coppa, lo scorso anno, è stata la cantautrice Gaia Gozzi, che con "Chega" e l'album "Nuova genesi" ha poi conquistato le radio e le classifiche di vendita: a marzo l'abbiamo vista sul palco dell'Ariston in gara tra i big del Festival di Sanremo 2021 con "Cuore amaro". Ma che fine hanno fatto gli altri ex vincitori di "Amici" nella categoria canto? Riuscire a costruirsi una solida carriera oltre i Dischi d'oro e di platino vinti nei mesi immediatamente successivi alla partecipazione al talent non è stato per tutti semplicissimo.

Alessandra Amoroso, Emma, Irama 

Da quando il talent condotto da Maria De Filippi ha cominciato ad avere una rilevanza non solo a livello televisivo ma anche sul piano discografico, nel 2008 con la vittoria di Marco Carta, in tanti si sono alternati in cima alle classifiche, ma in pochi, pochissimi sono effettivamente rimasti. Prossima a tornare sulle scene con un nuovo album di inediti prodotto da Dorado Inc., il giro Dardust-Mahmood, a distanza di dodici anni dalla vittoria Alessandra Amoroso continua a ricoprire una posizione di rilievo nel panorama pop italiano: il singolo inciso lo scorso anno insieme ai conterranei Boomdabash, salentini come lei, ha conquistato cinque Dischi di platino per l'equivalente di 350 mila copie vendute.

Sono andati ad aggiungersi ai .35 Dischi di platino e ai sei Dischi d'oro vinti nel corso della sua carriera finora. L'ultimo singolo, "Pezzo di cuore", lo ha inciso insieme a Emma Marrone, altra ex vincitrice del talent che negli anni ha collezionato esperienze anche extramusicali, dal cinema (dopo "Gli anni più belli" sta partecipando ora alle riprese della serie "A casa tutti bene" di Gabriele Muccino, attesa su Sky Atlantic per la fine dell'anno) alla tv (prima come coach proprio ad "Amici", poi come giudice di "X Factor"). Nel 2012 vinse il Festival di Sanremo con "Non è l'inferno", nel 2015 tornò all'Ariston come co-conduttrice. A undici anni dalla vittoria ad "Amici" le vendite dei suoi dischi e singoli superano il milione e mezzo di copie. Per Irama nel 2018 il talent di Canale 5 fu un trampolino di ri-lancio, dopo la partecipazione tra i giovani al Festival di Sanremo nel 2016 e un contratto con una multinazionale. Da "Nera" non ne ha sbagliata una: "Arrogante" nell'estate del 2019 conquistò il Doppio disco di platino, l'anno scorso "Mediterranea" ne doppiò il successo. Quest'anno è tornato in gara a Sanremo tra i big a due anni da "La ragazza con il cuore di latta" con "La genesi del tuo colore", ma è stato sfortunato: non ha potuto esibirsi perché un membro del suo staff è risultato positivo al Covid-19 e si è classificato al quinto posto. Però il brano è tra i più trasmessi dalle radio, appena dietro "Musica leggerissima" di Colapesce e Dimartino e ha conquistato per ora un Disco di platino.

Alberto Urso, Gerardo Pulli e Virginio

Il destino di Alberto Urso, vincitore dell'edizione 2019, è ancora incerto: dopo "Amici" ha pubblicato gli album "Solo" e "Il sole ad est", quest'ultimo intitolato come la canzone con cui ha partecipato l'anno scorso al Festival di Sanremo. Tra gli autori c'era anche Gerardo Pulli, che "Amici" lo vinse nel 2012.

Per lui il post talent fu un disastro: nonostante il supporto di Mara Maionchi e della sua etichetta (la Non Ho L'Età, nei cui uffici passarono pure ex concorrenti di "X Factor" come Tony Maiello e i The Bastard Sons of Dioniso) e la distribuzione di una major, la Emi, il disco d'esordio non conquistò neppure il Disco d'oro. Provò a risollevarsi con due singoli, "Sport" e "Giovani tentazioni", ma senza successo, prima di .reinventarsi autore, firmando per la Giamaica di Vasco Rossi: con il rocker di Zocca ha co-firmato "Io sono bella", incisa da Emma, e negli ultimi anni ha contribuito a successi come "Cosa ti aspetti da me" di Loredana Bertè e "Coco Chanel" di Gaia. Ora è tornato a cantare, ma senza metterci la faccia: c'è lui dietro a Pablo America, nuova scommessa dell'etichetta indipendente Maciste Dischi, già dietro al successo di Gazzelle e Fulminacci. Un altro che si è reinventato autore è Virginio Simonelli, vincitore nel 2011 (ebbe la meglio su Annalisa, oggi tra le protagoniste delle classifiche): dal 2013, l'anno della hit "Limpido" (incisa insieme a Kylie Minogue), è tra gli autori di fiducia di Laura Pausini.

Kolors, Marco Carta, Moreno, Deborah Iurato, Sergio Sylvestre 

E se Stash e i suoi Kolors continuano in qualche modo a resistere a distanza di sei anni dalla martellante "Everytime" (quest'anno il cantante è stato tra i giudici del serale insieme a Stefano De Martino e ad Emanuele Filiberto di Savoia), con la band che pur essendo discograficamente ferma a "You" del 2017 si è buttata sui singoli (e però l'ultimo Disco di platino l'ha conquistato due anni fa, con "Pensare male", insieme a Elodie), Marco Carta è invece tornato a far parlare di sé per faccende che con la musica c'entrano poco: al processo che lo ha visto imputato per il presunto furto delle magliette alla Rinascente di Milano nel 2019 il cantante de "La forza mia" - nel 2009

fu il primo ex concorrente "Amici" a trionfare a Sanremo, poi dopo di lui arrivarono Valerio Scanu e Emma - è stato tuttavia assolto. Nel 2017 si è concluso il rapporto con la Warner, major che lo aveva messo sotto contratto ai tempi del talent. Oggi, a ridosso della finale della ventesima edizione, pubblica un nuovo singolo, "Mala suerte", da indipendente. Moreno, Deborah Iurato e Sergio Sylvestre, vincitori di "Amici" rispettivamente nel 2013, nel 2014 e nel 2016, sembrano essere completamente spariti dai radar, nonostante partecipazioni al Festival (nel 2016 la cantante siciliana arrivò terza insieme a Giovanni Caccamo con "Via da qui") e programmi tv.

Non è tutto oro quel che luccica: il caso Riki

C'è da dire che non è tutto oro quel che luccica. Ne sa qualcosa Riccardo "Riki" Marcuzzo, che nel 2017 trionfò nel circuito canto: l'enorme popolarità conquistata dal bel cantante grazie ad "Amici" fu difficile da gestire e per quasi due anni, dopo i cinque Dischi di platino conquistati prima con l'Ep "Perdo le parole" e poi subito dopo con l'album "Mania", fece perdere le sue tracce (il Gianluca Grignani post-"Destinazione paradiso" ha fatto scuola). Tornò sulle scene nell'ottobre del 2019 con il singolo "Gossip", seguito dalla partecipazione al Festival di Sanremo con "Lo sappiamo entrambi", ultimo in classifica. Il suo ultimo album, "Popclub", lo scorso settembre ha debuttato al secondo posto della classifica settimanale Fimi dei più venduti in Italia, salvo poi sparire dalle prime cento posizioni dopo due settimane. Se ne sarà fatto una ragione, come dice il suo collega Mameli.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.