The Weeknd, la critica di Victor Willis (Village People) alla sua crociata contro i Grammy

Il leader della band di ‘YMCA’: ‘Quando io denunciavo irregolarità tu facevi incetta di statuette. Poi, quando hai smesso di vincere…’
The Weeknd, la critica di Victor Willis (Village People) alla sua crociata contro i Grammy

Victor Willis, meglio noto al grande pubblico come il “poliziotto” (o il “marinaio”) dei Village People, band per la quale fu voce principale e coautore dei brani più importanti, in una lettera aperta pubblicata sui suoi canali social ha criticato la posizione di The Weeknd nei confronti di Grammy Awards.

La star canadese di “Blinding Lights”, lo scorso mese di novembre, fece sapere di voler boicottare su tutti i fronti la manifestazione organizzata dalla Recording Academy dopo essere venuto a conoscenza di essere rimasto a secco di nomination con il suo nuovo album, “After Hours”. Nonostante le modifiche al regolamento annunciate all’inizio di questo maggio per andare incontro alle richieste di trasparenza ed equità nelle procedure di selezione, Abel Makkonen Tesfaye - questo il nome all’anagrafe dell’artista - ha fatto sapere di essere comunque intenzionato a non sottoporre i propri lavori futuri agli organizzatori delle prossime music’s biggest night. Posizione, questa, che - secondo Willis - non è scevra da una certa dose di ipocrisia.

“Hey, The Weeknd, perché non sdrammatizzi un po’ questa storia dei Grammy?”, consiglia la voce di “In the Navy” al collega: “So un paio di cose sull’andare contro i Grammy e i comitati segreti che aveva una volta. A essere sincero, questa importante faccenda non la stai gestendo con lo spirito di protesta nera. Mentre artisti neri come me denunciavano onestamente questi comitati segreti, tu - grazie a loro - rastrellavi un Grammy dopo dopo l’altro. Non ricordo tu proteste all’indirizzo di questi comitati segreti, quando tu ne traevi benefici. Poi a un certo punto questi comitati non ti hanno giovato, quindi i Grammy - per te - improvvisamente sono diventati corrotti? Ha troppo talento per tenere il broncio coi Grammy. Mi pare che tu stia cercando lo scontro anche se i comitati segreti sono stati eliminati, e questo non va bene. Questa importante istituzione americana, i Grammy, adesso sono guidati da un afroamericano, Harvey Mason, che sta portando a cambiamenti reali, significativi e storici, che probabilmente gioveranno al settore musicale per i prossimi decenni: dai un po’ di tregua al fratello”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.