LP: "Il mio successo in Italia? Non me lo spiego"

La cantautrice statunitense si racconta alla vigilia dell'esibizione (in video) al Concerto del Primo Maggio: "Suonerò dallo studio dove hanno registrato i Beach Boys e Frank Zappa".
LP: "Il mio successo in Italia? Non me lo spiego"

Si presenta di fronte alla webcam con un grosso cappello, gli occhiali da sole e una lattina in mano, da vera rocker che è. Bando alle ciance, entra subito nel vivo dell'argomento: "Il Concerto del Primo Maggio? Certo che so cos'è: mi sono informata. Negli Stati Uniti per celebrare i lavoratori abbiamo una festa simile, il Labour Day, che però si svolge a settembre. E a differenza di quanto avviene in Italia non organizzano grossi festival. Perché ho accettato di partecipare? Perché non farlo?", dice LP, collegata dall'altra parte dell'oceano.

Ci sarà anche la cantautrice statunitense, nelle cui vene scorre sangue italianissimo, per metà napoletano e per metà palermitano (LP sono le sue iniziali, Laura Pergolizzi), tra i protagonisti dell'edizione 2021 del Concertone, che per il secondo anno consecutivo a causa delle misure anti-Covid non si svolgerà in piazza San Giovanni ma alla Cavea dell'Auditiorium Parco della Musica di Roma, di fronte a un numero limitato di spettatori (tra sindacati, giornalisti, fotografi, sponsor e accompagnatori degli artisti), trasmesso in tv su Rai3. LP non si esibirà fisicamente sul palco della Cavea, ma manderà un video pre-registrato dai Valentine Studios di Los Angeles: "È una storica sala di registrazione che in passato ha ospitato le sessions di musicisti come i Beach Boys, Frank Zappa e Jackson Browne - spiega lei - mi piaceva l'idea di esibirmi in un ambiente familiare come lo studio di registrazione: quello è il mio posto".

La voce di "Lost on you" fa parte della quota "internazionale" del cast del Primo Maggio 2021, insieme a Noel Gallagher (non è dato sapere se l'ex Oasis arriverà a Roma o se invece verrà mandato in onda, come per LP, un video pre-registrato), il duo belga dei Balthazar e l'italo-francese Claudio Capéo (che invece si esibirà alla Cavea, insieme a Gianna Nannini).

E pazienza se negli ultimi cinque anni Laura Pergolizzi ha conquistato più Dischi d'oro e di platino nel nostro paese che in madrepatria. Era l'estate del 2016 quando la voce di LP cominciò a scalare le classifiche di vendita e quella dei pezzi più trasmessi dalle radio italiane, con "Lost on you". Da allora il suo successo non si è mai fermato: da "Other people" all'ultimo singolo "One last time", passando per "Other people" e "Girls go wild", c'è una hit di LP per ogni stagione. "Mi sento fortunata. Onestamente non riesco ancora a spiegarmi il motivo di tutto questo grande successo lì in Italia. Forse il mio modo di scrivere ha qualcosa che si ricollega alle radici musicali italiane: d'altronde le porto nel mio dna", dice.

Al successo ci è arrivata relativamente tardi, a 35 anni, dopo aver scritto per - tra le altre - Cher, Rihanna e Christina Aguilera: "Forse se sono rimasta con i piedi per terra è stato anche grazie alla lunga gavetta". Nel 2017 si esibì come ospite internazionale al Festival di Sanremo, poi la chiamò anche Maria De Filippi ad "Amici" e nel 2018 suonò alla Notte della Taranta di Melpignano, in Puglia: "In Italia ho fatto anche la mia ultima esibizione, prima dello stop forzato imposto dalla pandemia: l'anno scorso suonai sul palco di un party organizzato nell'ambito del Festival di Sanremo. Poi, una volta tornata negli States, non ho potuto più muovermi". In questi mesi non ha mancato di esibirsi in streaming: "La verità è che non riesco a fare a meno di suonare. Spero di tornare a farlo dal vivo. Nel frattempo continuo ad andare in studio con i miei musicisti, a scrivere e a registrare canzoni: è un periodo davvero strano, per chi fa musica".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.